La coalizione di destra conquista le due regioni più popolose del Paese

La coalizione di destra conquista le due regioni più popolose del Paese

La coalizione di governo della destra italiana ha vinto le elezioni regionali tenutesi domenica 12 febbraio e lunedì 13 febbraio in due importanti regioni, secondo risultati quasi completi. Il sondaggio è stato caratterizzato da una forte astensione.

Leggi anche: Il materiale è riservato ai nostri abbonati Giorgia Meloni, “Presidente” del Consiglio Italiano

La coalizione formata da Fratelli d’Italia (Fdi, estrema destra), il capo del governo, Giorgia Meloni, la Lega anti-immigrati, Matteo Salvini, e Forza Italia (FI, destra), Silvio Berlusconi, ha vinto le regioni più popolose del la penisola: la Lombardia, il polmone economico Per il Paese, il Lazio, l’area metropolitana di Roma.

Dopo la quasi totalità dei conteggi, il candidato della destra lombarda, il governatore uscente Attilio Fontana, leghista, ha ottenuto il 55% dei voti, mentre il suo inseguitore di sinistra ha ottenuto solo il 34%.

Leggi anche: Il materiale è riservato ai nostri abbonati A Londra inizia il processo a Silvio Berlusconi per la musica

Nel Lazio la destra è in testa con il 53% dei voti per Francesco Rocca, l’ex capo della Croce Rossa Italiana, contro il 34% del candidato della sinistra, Alessio D’Amato, dirigente sanitario uscente della regione. Ha ammesso la sconfitta.

“Questo risultato consolida l’unità della destra e rafforza il lavoro del governo”.reazione Giorgia Meloni su Twitter.

Leggi anche: Il materiale è riservato ai nostri abbonati L’unione dei diritti si sta costruendo altrove in Europa, ma non in Francia

“Victoire. Grazie Lombardia, grazie Lazio”.E Ha twittato poco prima di Matteo SalviniVicepresidente del Consiglio nel governo Meloni.

Fortissima astensione

Questa votazione è stata contrassegnata da fortissime astensioni, con solo il 40% di partecipanti nelle due regioni.

READ  Sviluppo sostenibile: il ruolo sociale dell'azienda - SmartGreen Post | Informazione green in Italia

Una questione sarà l’esito individuale dei partiti nella coalizione di governo, che potrebbe avere conseguenze per l’equilibrio di potere tra IDE, Associazione e istituzioni finanziarie.

Sia la lega che le istituzioni finanziarie stanno perdendo slancio mentre gli investimenti diretti esteri continuano a fare progressi, secondo un sondaggio pubblicato il 2 febbraio dallo Youtrend Institute. E in caso di nuove elezioni a livello nazionale, il suo risultato salirà al 29,4%, contro il 26% delle legislative di settembre. La percentuale di associazioni ha raggiunto l’8,7% e le istituzioni finanziarie il 7%, secondo la stessa indagine.

MIO La Meloni beneficia anche dell’incapacità dei partiti di opposizione di unirsi contro di lei. Il Pd (sinistra), preoccupato per la ricerca di un nuovo leader, indietreggia di fronte all’ascesa del Movimento 5 Stelle, mentre il centro rimane stabile.

applicazione mondiale

Buongiorno mondo

Ogni mattina, trova la nostra selezione di 20 articoli da non perdere

Scarica l’applicazione

Le regioni italiane godono di una significativa autonomia dal governo centrale in molti settori, tra cui la sanità, i trasporti o l’istruzione.

Il mondo con Agence France-Presse

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *