Il vapore acqueo è stato rilevato per la prima volta sul satellite più grande di Giove

Idro satellite

I ricercatori hanno affermato che la scoperta potrebbe aiutare a spiegare atmosfere d’acqua simili che potrebbero incapsulare altri corpi nel sistema solare.

Precedenti studi hanno dimostrato che Ganimede, che è più grande di Mercurio e solo leggermente più piccolo di Marte, può contenere più acqua di tutti gli oceani della Terra messi insieme. Qualsiasi acqua liquida a Ganimede dovrebbe nascondersi per circa 160 km sotto la sua crosta.

In lavori precedenti, era stato ipotizzato che il ghiaccio sulla superficie di Ganimed potesse essere convertito direttamente da un oggetto solido in un gas, passando in forma liquida, in modo che il vapore acqueo potesse far parte della sottile atmosfera della superluna. Tuttavia, fino ad ora non è stata trovata alcuna prova di quest’acqua.

bassa temperatura

Nel nuovo studio, gli scienziati hanno analizzato i dati di Ganymedo vecchi e nuovi dal telescopio spaziale Hubble della NASA. 1998 Il telescopio Hubble acquisisce le prime immagini ultraviolette da Ganimed, comprese le sue proprietà. Le strisce colorate di gas carico in questi aloni hanno contribuito a dimostrare che Ganimed ha un debole campo magnetico.

Scanpix / Foto AP / Giove Satellite Ganimedes

Come parte di un programma di osservazione su larga scala della missione della NASA su Giove, i ricercatori hanno utilizzato Hubble per misurare la quantità di ossigeno atomico nell’atmosfera di Ganimede. Inaspettatamente, hanno scoperto che non c’è quasi ossigeno atomico, suggerendo che i primi segnali UV necessitano di un’interpretazione diversa.

Gli scienziati si sono concentrati sul fatto che la temperatura superficiale di Ganimede varia notevolmente durante il giorno: a mezzogiorno all’equatore è di circa -123 ° C e di notte – circa -193 ° C. Il ghiaccio può essere abbastanza caldo da trasformarsi in vapore nei luoghi più caldi di Ganimedes. Notano che le differenze osservate in molte delle immagini ultraviolette di Ganimedo corrispondono molto da vicino a dove ci si potrebbe aspettare l’acqua nell’atmosfera lunare a seconda del clima.

Foto da/in questo montaggio - I principali satelliti di Giove (dall'alto in basso) - Ija, Europa, Ganimedes e Kalista

READ  Vận đỏ hơn son từ ngày 28/1/2022, những con giáp sau sớm hưởng vinh hoa phú quý, công danh sự nghiệp đều thăng hoa, viên mãn

Foto da/in questo montaggio – I principali satelliti di Giove (dall’alto in basso) – Ija, Europa, Ganimedes e Kalista

“Il vapore acqueo nell’atmosfera si adatta bene ai dati”, ha detto a Space.com Lorenz Roth, uno scienziato planetario capo del Royal Institute of Technology di Stoccolma.

Il motivo principale per cui studi precedenti non sono riusciti a rilevare l’acqua nell’atmosfera di Ganimede è che il segnale UV dell’ossigeno molecolare è troppo forte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *