Il telescopio James Webb fa una nuova scoperta

Il telescopio James Webb fa una nuova scoperta

Il telescopio spaziale James Webb ha recentemente fatto una scoperta unica identificando la presenza di acqua nella regione interna di un disco di gas e polvere attorno a una stella in formazione. Questa scoperta è particolarmente importante perché mette in discussione l’idea precedente secondo cui la formazione di pianeti rocciosi, come la Terra, è improbabile in ambienti in cui stelle massicce emettono intense radiazioni ultraviolette.

Concentrati su XUE 1 utilizzando il telescopio James Webb

Il telescopio spaziale James Webb si distingue dagli altri osservatori per la sua risoluzione spaziale e sensibilità che è in grado di esaminare i dischi di formazione planetaria attorno alla nascita di stelle massicce.

In un programma Ambienti UV estremi (XUE)che si concentra sulla caratterizzazione dei dischi protoplanetari (le vaste nubi di gas rotante, polvere e frammenti di roccia in cui si formano ed evolvono i pianeti), un team di ricercatori si è interessato al disco protoplanetario. Sheo 1situato nell’ammasso stellare Pismis 24, all’interno della Nebulosa del Gambero, ad una distanza di circa 5.500 anni luce dalla Terra.

Questa regione ospita alcune delle stelle più massicce della nostra galassia. Sono anche più caldi e quindi emettono di più UV (UV). Ciò può disperdere il gas, riducendo la durata prevista del disco fino a un milione di anni. Grazie al telescopio James Webb, gli astronomi possono ora studiare l’effetto di questa radiazione sui potenziali pianeti rocciosi che si formano in queste regioni altamente irradiate.

Illustrazione del telescopio James Webb in orbita. Crediti: dima_zel/istock

Diverse sorprese

Il disco XUE 1 non ha mancato di sorprendere gli scienziati. Queste note in realtà lo hanno una dichiarazione Subordinare Segni d’acquaE anche piccolo Polvere di silicato parzialmente cristallino (Il silicio e l’ossigeno, insieme ad altri elementi come alluminio, ferro e magnesio), sono elementi che potrebbero svolgere un ruolo cruciale nella formazione di pianeti rocciosi simili alla Terra. Oltre a questi elementi, le osservazioni hanno rivelato anche la presenza di molecole come monossido di carbonio, anidride carbonica, acido cianidrico e acetilene, nonostante l’ambiente ostile sia esposto a intense radiazioni ultraviolette.

READ  Ondata di caldo: la prima ondata di caldo dell'estate sui Pirenei Orientali, il termometro non scenderà sotto i 24 gradi di notte fino a giovedì

In precedenza, si pensava che ambienti così estremi non fossero adatti alla formazione di pianeti rocciosi. Tuttavia, questa scoperta suggerisce che i pianeti simili alla Terra possono farlo Appaiono in una gamma più ampia di ambienti cosmici di quanto inizialmente si immaginasse.

I ricercatori si stanno preparando ad espandere la loro ricerca per includere altri dischi nella stessa regione per determinare la prevalenza di tali casi. Tuttavia, questo progresso promettente fornisce informazioni preziose Migliore comprensione del processo di formazione dei pianeti del sistema solare Che risale a circa 4,6 miliardi di anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *