Il rover Curiosity trova nuove prove di antichi fiumi marziani, che probabilmente erano un ambiente adatto alla vita

Il rover Curiosity trova nuove prove di antichi fiumi marziani, che probabilmente erano un ambiente adatto alla vita

Oggi, gli scienziati della Penn State affermano che la loro ulteriore ricerca, basata sull’analisi dei dati della navicella spaziale Curiosity e sulle simulazioni numeriche, suggerisce che la realtà potrebbe andare molto oltre. “Marte potrebbe aver avuto molti più fiumi di quanto si pensasse in precedenza, il che offre sicuramente una visione più ottimistica della vita anticaSul pianeta.

Simulazione dell’erosione marziana rispetto alle caratteristiche topografiche del Golfo del Messico

Il cratere Gale è stato scelto come sito di atterraggio per il rover Curiosity perché presentava molti segni di possibile presenza d’acqua nel corso della sua storia. Sono proprio le sue incisioni a determinare gli sviluppi pubblicati in Lettere di ricerca geofisica. Utilizzando i dati raccolti dalla sonda spaziale Curiosity al cratere Gale, il team della Penn State ha trovato segni di depositi fluviali che non erano associati allo scenario della “dorsale del fiume”.

Utilizzando una combinazione di immagini del rover Curiosity della NASA, rilievi di rocce sedimentarie sotto il Golfo del Messico sulla Terra e simulazioni al computer, i geologi dell’USC hanno determinato che le comuni formazioni di crateri – chiamate forme di cratere sedile-naso – sono probabilmente i resti di un antico fiume. famiglia.

Guidato dal geologo Benjamin Cardenas, assistente professore di geoscienze alla Penn State e autore principale dell’articolo che annuncia la scoperta, il team di ricercatori ha simulato un’erosione simile a quella trovata a MarteUtilizzando scansioni 3D degli strati della Terra. Nel progettare il loro modello computerizzato, si sono basati specificamente sui rilievi del fondale marino nel Golfo del Messico prodotti dalle compagnie petrolifere nell’arco di 25 anni. Quando hanno eseguito la simulazione, il modello ha riprodotto morfologie simili a quelle documentate dalla NASA su Marte.

Didascalia: sopra, “posti a sedere”, sotto “nasi” identificati dal team della Penn State su Marte / Credito immagine: NASA/Caltech-JPL/MSSS

Il terreno è costituito da un’alternanza di pendii ripidi, “sponde” poco profonde e brevi creste (“nasi”), che si formano quando il materiale sedimentario depositato nei canali viene eroso dai fiumi in direzione preferenziale, forse a causa dei venti dominanti. In superficie, i fiumi hanno un ruolo importante nei cicli, nelle interazioni chimiche, nei nutrienti e nei nutrienti, tutti i nostri fattori hanno un impatto positivo sulla vita, poiché sono cardenas, i dati sono specifici dei fiumi essendo benefici per le persone più belle cose… Marte.

READ  Dinosauri nello spazio: uno scienziato che ha la possibilità di trovare le proprie ossa sulla luna

>> Leggi anche : La raccolta di campioni dall’asteroide Bennu ha avuto più successo del previsto

Marte è il pianeta dei fiumi?

Almeno questo è ciò che dice Benjamin Cardenas, assistente professore di geoscienze alla Penn State e autore principale di un nuovo articolo che annuncia la scoperta. Secondo lui: “Vediamo segni ovunque su questo pianeta. »

Ciò suggerisce che il paesaggio sedimentario marziano potrebbe essere stato formato da fiumi durante un periodo abitabile abbastanza lungo nella storia marziana, ha spiegato Cardenas in un comunicato stampa della Penn State. Un elemento incoraggiante per la possibilità di vita sul pianeta rosso nel passato. “ Sulla Terra, i corridoi fluviali sono molto importanti per la vita, i cicli chimici, i cicli dei nutrienti e i cicli dei sedimenti“.

fonti:

Insegna ogni giorno

Lettere di ricerca geofisica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *