Il profilo genetico di una donna individuato su una perla paleolitica

Il profilo genetico di una donna individuato su una perla paleolitica

Al confine tra genomica e preistoria, i paleobiologi che rintracciano il DNA nei resti del passato per tracciare l’evoluzione umana ci hanno abituato per vent’anni alle loro imprese. Ma non è ancora finita.

Uno studio condotto da Matthias Meyer, genetista del Dipartimento di genetica evolutiva del Max Planck Institute di Lipsia, e Marie Suresi, archeologa francese dell’Università di Leiden (Paesi Bassi), ha dimostrato che è ora possibile estrarre animali e umani DNA. di ornamenti preistorici in materia animale senza danneggiarli. Più specificamente, un cane da cervo (o spiedo) viene praticato con un foro da praticare Perla scoperta nella grotta di Denisova, Russia (Monti Altai in Siberia).

Analizzando le sequenze di DNA ottenute, il team interdisciplinare di 23 specialisti ha stabilito che questa piccola collana era indossata da una donna appartenente agli abitanti dell’Eurasia settentrionale, vissuta tra i venticinquemila e i diciannovemila anni prima di oggi… Tutto questo Senza danneggiare il corpo come nel caso delle tecniche di ricerca sul DNA delle ossa umane che richiedono la rimozione e la distruzione della materia organica.

Leggi anche: Il materiale è riservato ai nostri abbonati DNA antico, la macchina del tempo

Pubblicato il 3 maggio in naturaL’articolo descrive in dettaglio un nuovo processo che ha richiesto anni di perseveranza. “Gli oggetti ossei paleolitici che ci giungono sono spesso pochi e di piccole dimensioni. Dal 2018 abbiamo sviluppato un metodo per estrarre il DNA contenuto in questi oggetti ossei senza doverli distruggere, utilizzando speciali ossa di animali provenienti dalla Grotta di Cotis in Vienna”dice Mary Sourisi. “Il materiale osseo contiene idrossiapatite, che è un minerale che assorbe le molecole di DNA, quindi abbiamo dovuto trovare un modo per rilasciare queste molecole.continua Elena Issel, prima autrice dell’articolo. Il metodo consiste nell’immergere oggetti fatti di materia ossea in bagni di sali di sodio e fosfato che vengono portati a temperature crescenti mentre vengono agitati. Il fosfato si lega al DNA intrappolato nei pori dei tessuti animali ei movimenti consentono l’evacuazione delle molecole di DNA, che vengono poi riorganizzate. » Ha perfezionato il metodo per diversi mesi, con i suoi colleghi, nella camera bianca del Max Planck Institute di Lipsia, in un’atmosfera chiusa per evitare contaminazioni sui preziosi manufatti.

READ  La scoperta di resti e strutture archeologiche durante i lavori di preparazione di Salé
Un dente di cervo perforato è stato scoperto nella grotta di Denisova (Siberia), prima dell'estrazione del DNA.
Un dente di cervo perforato è stato scoperto nella grotta di Denisova (Siberia), dopo l'estrazione del DNA.

I primi test del 2018 sono stati effettuati su un lotto di oggetti provenienti dal sito francese Quinçay (Vienne), con parziale successo. Il DNA degli animali, cervi o renne, da cui proveniva la roba… ma il DNA umano che è stato trovato era per gli scavatori e gli archeologi.

Hai ancora il 60,15% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *