il produttore italiano aggiorna la sua utilità

Zapping Autonews Pro BMW i Hydrogen Next: la cella a combustibile X5 in video

Il Fiat Ducato festeggia quest’anno il suo 40° anniversario, perché la prima versione è stata lanciata nel 1981. In questa occasione, la grande utility italiana ha subito un leggero restyling ed è stata dotata di tecnologie di bordo, per offrire sempre più comfort di guida e una maggiore facilità d’uso per i suoi clienti professionali. Fiat ha in particolare conferito al suo Ducato una nuova identità visiva nella parte anteriore, con ottica Full LED, il cui interno è stato riorganizzato con una striscia luminosa nella parte inferiore e indicatori di direzione scorrevoli, tra gli altri (finitura di alta gamma “Evoluzione”). Al centro della calandra leggermente ridisegnata, si trova il nuovissimo logo con le lettere cromate “Fiat”. Infine, è stato introdotto un nuovo colore della carrozzeria “Lanzarote Grey”. Le altre novità riguardano la gamma motori e le dotazioni tecnologiche del Fiat Ducato.

Gamma motori Multijet3

Avvia la presentazione
Fiat Ducato restyling (2021) | Le foto del veicolo utilitario italiano
+45

Fiat Ducato restyling (2021)Credito fotografico – Fiat

Il nuovo Fiat Ducato restyling è dotato di una gamma di motori Diesel Multijet3 ridisegnati per offrire prestazioni altrettanto efficienti di prima, consumando meno carburante. Sono conformi alle attuali normative Euro 6D-Final. La gamma motori è suddivisa in quattro livelli di potenza con un primo blocco di 120 CV all’entry level, poi 140 CV, 160 CV e infine una potente versione da 180 CV che supera il tutto con una coppia massima che raggiunge i 450 Nm.

READ  Agen: Con Mama Lova l'Italia si invita a Gravier

Ad ogni motore può essere abbinato un cambio manuale a 6 marce o un cambio automatico a 9 marce (tranne sul motore da 120 CV). Sarà inoltre disponibile una gamma Ducato “Heavy Duty”, con base tecnica rinforzata per carichi pesanti, con i tre livelli di potenza più elevati, sempre in BVM6 e BVA9. Il motore a quattro cilindri da 136 CV e 350 Nm di coppia a metano non è più disponibile a catalogo.

Interni high-tech

Interni high-techAvvia la presentazione
Fiat Ducato restyling (2021) | Le foto del veicolo utilitario italiano
+45

Fiat Ducato restyling (2021)Credito fotografico – Fiat

Le finiture del restyling del Fiat Ducato sono state migliorate a tutti i livelli, con un sistema multimediale touch da 7 pollici che integra Apple Car Play, Android Auto e la telecamera per la retromarcia di livello “Business”. La finitura top di gamma “Evoluzione” integra il cockpit da 7 pollici 100% digitale e un sistema di infotainment UConnect da 10 pollici con navigazione di bordo. Il guidatore e i suoi passeggeri beneficiano di una tappezzeria ridisegnata per offrire un maggiore comfort, così come il nuovo servosterzo o il parabrezza riscaldato.

Gli ausili alla guida di nuova generazione (ADAS), inclusi nei nuovi pack optional, consentono di accedere in particolare alla guida autonoma di livello 2. Ciò è possibile grazie alla combinazione del regolatore adattivo con funzione Stop&Go e la trattenuta. Per mantenere sempre il controllo senza stancarsi, Fiat introduce anche un assistente per gli ingorghi e un sistema di frenata di emergenza autonomo. Infine, gli utenti possono contare su un ecosistema digitale completo per semplificare la loro vita quotidiana (My Remote, My Car, My Navigation, ecc.). Il restyling del Fiat Ducato è ora disponibile presso le concessionarie in Francia.

READ  "Aveva bisogno di ossigeno, fondamentale nelle prossime 48 ore"

In breve

Fiat sta apportando un leggero restyling al suo Ducato, un grande veicolo utilitario che assume un aspetto più moderno sul frontale (logo, calandra, luci Full-LED, ecc.) e che è ricco di tecnologie nell’abitacolo. Anche la gamma motori aggiornata è conforme agli attuali standard europei (Euro 6D-Final) e offre gli stessi livelli di potenza di prima (120 CV, 140 CV, 160 CV e 180 CV). Ad eccezione del primo livello di potenza, tutti i motori possono essere abbinati a un cambio manuale a 6 marce o a un cambio automatico a 9 marce.

Paolo Niocel

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *