Il maiale selvatico è testimone della storia del Madagascar

Il maiale selvatico è testimone della storia del Madagascar

AStai attento, sorpresa! L'articolo di questa settimana si avventura in un territorio forse sconosciuto alla maggior parte dei lettori. Innanzitutto c'è l'animale: il cinghiale. Chi ha davvero sentito parlare del cinghiale e del cugino del cinghiale alzi il dito! Tuttavia, questo tipo di suidi è molto comune in Africa. Gli amanti della carne selvatica adorano la sua carne deliziosa. I contadini lo apprezzano meno, poiché maledicono le sue incursioni nei raccolti. In Madagascar occupa una posizione più importante. Da quando i grandi lemuri terrestri e gli ippopotami pigmei sono scomparsi secoli fa, si è guadagnato il titolo di mammifero più grande dell'isola. Ma il suo arrivo in questa regione dell'Oceano Indiano è sempre stato un mistero, al pari di un altro mistero: lo sbarco dell'uomo.

Curiosamente, il Madagascar è il continente insulare (risultante dal distacco tettonico, al contrario delle isole vulcaniche) che è stato colonizzato più recentemente. Sebbene sia separato dall’Africa da soli 400 chilometri dal Canale del Mozambico, era abitato solo da esseri umani “l’altro ieri”, come dicono i ricercatori. Insomma, qualche migliaio di anni fa: undicimila anni, come dicono i più audaci, dalle tracce di un presunto massacro sulle ossa degli uccelli; Secondo la maggior parte degli studiosi ha solo dai due ai quattromila anni. In ogni caso, siamo molto lontani dai sessantamila anni di colonizzazione umana che ha vissuto, ad esempio, l’Australia.

Un articolo pubblicato mercoledì 3 gennaio sulla rivista Comunicazioni sulla natura, Fa luce su questi due misteri. Il team internazionale, guidato da Rasmus Heller, dell'Università di Copenaghen, inizialmente voleva comprendere la storia evolutiva del maiale selvatico. O meglio, i maialini selvatici. Perché dal 1993 questa tipologia è stata divisa in due parti, occidentale e centrale potamuquirus burco, Si distingue per il colore rosso; A sud e a est, larve di potamococco, Più è grigio, maggiore è lo stock.

“Digitazione incompleta”

I ricercatori hanno analizzato i genomi di sessantasette campioni provenienti da dieci paesi. Sembra che i due gruppi abbiano cominciato a divergere circa trecentomila anni fa, in coincidenza con la divergenza di altri grandi animali (bufalo, leone, elefante, babbuino). Iniziato, ma mai veramente finito. “La differenziazione genetica rimane modestainsiste Rasmus Heller. Vediamo il flusso genico tra i due gruppi. » Recenti osservazioni nell’Uganda occidentale sembrano attestarlo P. Burcos E P. larve Non ci limitiamo a guardarci negli occhi. Quindi, per Rasmus Heller, “Digitazione incompleta”.

Hai il 35% di questo articolo da leggere. Il resto è riservato agli abbonati.

READ  Impressionante scala gigantesca, quasi delle dimensioni di un pianeta, "si avvicina" alla Terra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *