Il Lava World è il più giovane adolescente del suo genere mai scoperto ا اف

Gli esopianeti sono disponibili in molti tipi e dimensioni diversi e, per capire come si formano ed evolvono i pianeti, è utile vederli in una varietà di punti diversi durante il loro ciclo di vita. Agenzia della NASA TESS satellite caccia di esopianeti Ha recentemente scoperto quattro esopianeti “adolescenti”, tra cui un drammatico mondo di lava in orbita attorno alla sua stella.

TESS ha studiato due giovani stelle vicine l’una all’altra e ritenute correlate, TOI 2076 e TOI 1807. Ha trovato quattro esopianeti in orbita intorno a loro in uno stadio intermedio raramente osservato tra la recente nascita e la maturità.

“I pianeti in entrambi i sistemi sono in fase di transizione o adolescenza del loro ciclo di vita”, Egli ha detto Christina Hedges, astronoma del Bay Area Environmental Research Institute di Moffett Field e dell’Ames Research Center della NASA nella Silicon Valley. “Non sono neonati, ma non sono nemmeno sistemati. Imparare di più sui pianeti in questa adolescenza alla fine ci aiuterà a capire antichi pianeti in altri sistemi”.

Tre degli esopianeti orbitano attorno a TOI 2076, ognuno dei quali è chiamato mini-Nettuno, perché si trova tra la Terra e Nettuno in termini di dimensioni.

Ma il pianeta davvero drammatico è quello che stiamo guardando in orbita attorno a TOI 1807. Il pianeta, TOI 1807 b, è così vicino alla sua stella che un anno lì dura solo 13 ore. Questo pianeta è la versione più giovane di questo pianeta, chiamato pianeta molto corto, che è stato scoperto finora. Se il pianeta fosse per lo più roccioso e non avesse un’atmosfera densa, i ricercatori ipotizzano che potrebbe essere coperto da laghi o persino oceani di lava.

READ  Quanto è pericolosa la mutazione Covid-19 rilevata?
I pianeti di breve periodo, o quelli con orbite inferiori a un giorno, sono rari. Il potenziale mondo di lava TOI 1807 b, mostrato qui, è il più piccolo esempio scoperto fino ad oggi. Centro di volo spaziale Goddard della NASA / Chris Smith (KBRwyle)

Anche questo pianeta è bombardato dalla luce ultravioletta perché la sua stella è giovane e molto attiva. Si stima che il pianeta sia colpito da 22.000 volte la quantità di radiazioni ultraviolette della sua stella rispetto a quella che la Terra riceve dal sole. L’altra stella è ugualmente attiva.

“Le stelle producono forse 10 volte più luce UV rispetto a quando raggiungono l’età del Sole”, Egli ha detto Il coautore George Zhou, astrofisico della University of Southern Queensland in Australia. “Poiché il sole può essere ugualmente attivo contemporaneamente, questi due sistemi potrebbero fornirci una finestra sulle prime condizioni del sistema solare”.

Raccomandazioni della redazione




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *