5 modi per conservare gli squali: i satelliti di osservazione della Terra della NASA aiutano a preservare la natura

Poiché gli scienziati di varie istituzioni si concentrano direttamente sulla conservazione degli squali, i satelliti di osservazione della Terra della NASA raccolgono importanti informazioni sull’habitat degli squali e sull’oceano, in particolare.

Questi satelliti della NASA misurano l’altezza dell’oceano, tracciano le correnti, monitorano gli habitat marini e supervisionano gli eventi sulla qualità dell’acqua come le fioriture di alghe dannose.

per me Notizie sulla contea del lagoI set di dati a lungo termine aiutano anche a capire come il cambiamento climatico sta influenzando gli oceani e la vita marina.

La NASA condivide i dati oceanici con gruppi di conservazione, scienziati e partner come la National Oceanic and Atmospheric Administration o NOAA. Questo particolare rapporto di notizie identifica cinque modi in cui la NASA sta aiutando a conservare gli squali, tra cui:

Leggi anche: Squali amichevoli? Un nuovo studio mostra che fanno amicizia anche con altri squali

(Foto: Nicholas Lindell Reynolds su Wikimedia Commons)
Poiché gli scienziati di varie istituzioni si concentrano direttamente sulla conservazione degli squali, i satelliti di osservazione della Terra della NASA raccolgono importanti informazioni sull’habitat degli squali e sull’oceano, in particolare.

1. Aiuta a tracciare il movimento degli animali marini

Il satellite della NASA, che include misurazioni sul campo, aiuta i ricercatori dello studio a costruire un quadro più chiaro delle rotte di viaggio degli squali.

Nel 2019, un progetto congiunto tra la NASA e il National Center for Space Studies, noto come Cloud-Aerosol Lidar e Infrared Pathfinder Satellite, ha monitorato una massiccia migrazione di animali in corso sulla Terra.

In questo caso, animali marini tra cui pesci, calamari e krill salgono dalle profondità dell’oceano alla superficie per mangiare deliziosamente piante microscopiche conosciute anche come fitoplancton e zooplancton più piccolo, per il loro consumo quotidiano.

2. Misurare i cambiamenti nell’innalzamento del livello del mare e nei modelli climatici

La NASA ha misurato l’altezza dell’oceano per quasi tre decenni, a partire dalla missione satellitare TOPEX/Poseidon dal 1992 al 2006, e proseguendo con le missioni “Jason-1, OSTM/Jason-3 e Sentinel-6 Michael Freilich”, una missione simile . NASA rapporto specifico.

Tali satelliti possono individuare i cambiamenti nell’altezza dell’oceano entro un pollice, fornendo misurazioni molto accurate del livello del sigillo.

Queste informazioni sono essenziali per comprendere l’intensità delle tempeste, l’innalzamento del livello del mare e i modelli climatici come El Niño, La Niña e l’oscillazione decadale del Pacifico che influenzano la fauna marina.

3. Studio sulla produttività oceanica

Dallo spazio e dalle navi, così come dai veicoli sottomarini autonomi, o dalle esportazioni oceaniche dell’Agenzia spaziale dal telerilevamento, o esportazioni, la spedizione sta studiando la pompa biologica dell’oceano, il processo mediante il quale il carbonio viene rilasciato dall’atmosfera e dalla superficie dell’oceano. Confisca nelle profondità dell’oceano.

Questo processo inizia alla superficie dove il fitoplancton come descritto NOAAEstrae carbonio dall’atmosfera attraverso la fotosintesi.

Questo è il lancio della rete trofica marina in cui il fitoplancton converte il carbonio atmosferico in cibo quando viene consumato da piccoli animali noti come zooplancton.

4. Tracciamento degli squali balena utilizzando l’algoritmo di mappatura stellare di Hubble

Nel 1986, un ricercatore dell’Università di Princeton ha sviluppato un algoritmo per mappare le galassie e le stelle catturate dal telescopio Hubble della NASA.

Ora, un tale sistema è stato adattato per identificare modelli simili a stelle sugli squali balena dalla pelle macchiata. Questo algoritmo consente l’identificazione di singoli squali balena, aiutando gli scienziati a monitorare questi insoliti squali di 40 piedi come parte della Biblioteca di riconoscimento dell’immagine degli squali balena dell’organizzazione no profit australiana ECOCEAN.

5. Sviluppa nuove missioni di esplorazione oceanica

La NASA ha in programma tre nuove missioni per indagare sull’oceano. Il lancio è previsto per l’anno prossimo Topografia delle acque superficiali e oceaniche La missione misurerà le correnti oceaniche su piccola scala, così come le correnti parassite per comprendere la miscelazione e il trasporto di acqua e sostanze nutritive, per non parlare della prevalenza dell’inquinamento nell’oceano.

L’osservazione dei vortici oceanici è essenziale per prevedere i modelli di migrazione della megafauna che includono gli squali. Lo SWOT è stato sviluppato congiuntamente dalla NASA e dal Centro nazionale francese per gli studi spaziali con il contributo dell’Agenzia spaziale britannica e dell’Agenzia spaziale canadese.

Le informazioni rilevanti sulla conservazione degli squali sono presenti nel video YouTube di Ben G Thomas qui sotto:

Articoli Correlati: Chi è responsabile della scomparsa dei grandi squali bianchi a Cape Town?

Scopri altre notizie e informazioni su squali In tempi di scienza.

READ  La stampa 3D aiuterà a colonizzare Marte grazie a Zebro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *