Il lampo radio catturato dal telescopio sfida ogni spiegazione

Il lampo radio catturato dal telescopio sfida ogni spiegazione

I lampi radio veloci (FRB) sono lampi fugaci di segnali radio provenienti dallo spazio profondo. Attira l’attenzione degli astronomi per la sua densità e la misteriosa origine cosmica. Questi fenomeni vengono emessi Pochi millisecondi Una grande quantità di energia equivale a quella prodotta dal nostro sole in diversi anni.

I lampi radio veloci sono stati scoperti per la prima volta nel 2007 e sono solitamente associati a eventi catastrofici come Collisioni tra stelle di neutroni e supernovae O a cose estreme come Stelle magnetiche Sono stelle di neutroni con campi magnetici eccezionalmente forti.

Un aspetto interessante dei lampi radio veloci è la differenza nel loro comportamento. Alcuni emettono un solo segnale prima di scomparire, mentre altri, detti “ripetitori”, generano lampi ripetuti dalla stessa zona di cielo. Questa diversità indica una varietà di risorse potenziali.

Tuttavia, è stata nominata la recente osservazione di FRB ricorrenti identificati nell’autunno del 2022 FRB20220912AE ha fornito risultati eccezionali.

Un modello mai visto prima

Nell’ultimo lavoro, i ricercatori che utilizzano l’Allen Telescope Array (ATA) del SETI Institute hanno studiato queste raffiche veloci per 541 ore (o circa 23 giorni). Poi hanno notato una sequenza 35 lampi radiofonici che mostrano uno schema insolito di variazione di frequenza. Questi segnali, quando convertiti in toni riprodotti su uno xilofono, suonano come un fischio discendente.

Questo comportamento, descritto come un “fischio cosmico”, provoca un cambiamento graduale verso il basso nella frequenza del segnale, un fenomeno mai osservato prima per i lampi radio veloci.

Spettri del lampo radio veloce FRB 20220912A che mostrano i suoi cambiamenti di frequenza. Crediti: Sophia Z. Sheikh et al., Istituto SETI (CC BY 4.0)

La fonte dei lampi radio veloci (FRB) ricorrenti rimane un mistero per gli scienziati, ma queste nuove osservazioni potrebbero fare più luce fornendo indizi sulle loro complesse origini e sul perché alcuni di essi sono così frequenti.

READ  I vermi che si nutrono di punti quantici di carbonio producono seta fluorescente

Inoltre, lo studio ha mostrato come l’Allen Telescope array, un telescopio progettato per cercare segnali radio provenienti da potenziali intelligenze extraterrestri, potrebbe dare un contributo significativo allo studio dei lampi radio veloci e, per estensione, di alcuni degli eventi e degli oggetti più estremi nell’universo.

E i risultati furono ho accettato Per la pubblicazione negli Avvisi mensili della Royal Astronomical Society.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *