Il James Webb Telescope ora è cool (grazie a una nuova visiera parasole)

Ingrandisci / Il 4 gennaio 2022, gli ingegneri hanno completato con successo il dispiegamento del parasole per il James Webb Space Telescope, mostrato qui durante il suo test di dispiegamento finale sulla Terra nel dicembre 2020 a Northrop Grumman a Redondo Beach, in California.

NASA

La NASA non ha ancora finito di pubblicare il James Webb Space Telescope, ma gli scienziati e gli ingegneri che lavorano sul dispositivo da 10 miliardi di dollari si sentono molto meglio oggi.

Nella tarda mattinata di martedì, la NASA e il principale appaltatore del telescopio, Northrop Grumman, hanno allungato con successo tutti e cinque gli strati dello schermo solare del telescopio. Questo passaggio ha completato il processo critico di implementazione dell’enorme visiera parasole primaria del telescopio, che mantiene il telescopio fresco in modo che possa effettuare osservazioni accurate di oggetti deboli.

“È difficile descrivere l’atmosfera”, ha detto durante una teleconferenza con i giornalisti Hilary Stock, ingegnere strutturale della Northrop Grumman che ha lavorato su creme solari “stress” il lunedì e il martedì. “È stato un momento meraviglioso. Tanta gioia. Tanto sollievo”.

I cinque strati di crema solare sono incredibilmente delicati. Ogni foglio di plastica ha all’incirca lo stesso spessore di un capello umano e deve essere teso su un’area delle dimensioni di un campo da tennis. Tutto questo deve essere fatto in microgravità, un ambiente che non può essere simulato nei test a terra.

“Questa è stata la prima volta che abbiamo implementato questo sistema in stato zero e l’abbiamo installato”, ha affermato Alfonso Stewart, Head of Webb Deployment Systems. “È davvero una buona testimonianza del lavoro svolto dalle squadre”.

READ  “Linee rosse”: il tasso di mortalità rimarrà “alto nelle prossime settimane”

Molte cose potrebbero essere andate storte. Durante i test condotti di recente, nel 2018, gli strati delle alette parasole sono stati stava inciampando durante le prove a terra. Non è difficile capire perché. Secondo la NASA, l’apertura e il tensionamento del parasole includevano 139 dei 178 meccanismi di lancio del telescopio, 70 gruppi articolati, otto motori di spiegamento, circa 400 pulegge e 90 cavi singoli per un totale di oltre 400 metri di lunghezza.

Passando attraverso il processo di dispiegamento dello schermo solare, la NASA ha superato l’aspetto più complicato di scaricare il telescopio nello spazio e prepararlo per le operazioni.

“Il dispiegamento dello schermo solare è stato sicuramente il più complesso in termini di parti mobili che dovevano lavorare tutte in armonia e di sistemi che erano interconnessi tra loro”, ha affermato James Cooper, responsabile dello schermo solare presso Webb Telescope. “Le cose rimaste dal punto di vista editoriale sono più tradizionali, come cerniere e attuatori”.

La NASA prevede di completare i restanti elementi strutturali del telescopio entro lunedì e quindi dispiegare lo specchio secondario e le ali dello specchio primario. Questo processo dovrebbe essere completato entro due settimane. A questo punto, il telescopio Webb dovrebbe raggiungere la sua destinazione, il punto fisso lagrangiano, ed entrare in una grande orbita a circa 1,5 milioni di chilometri dalla Terra.

Dopodiché, inizierà a lavorare sull’allineamento degli specchi del telescopio e sulla calibrazione degli strumenti scientifici di Webb. Le osservazioni scientifiche preliminari dovrebbero iniziare a giugno. L’universo sta aspettando.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *