Il Giappone firma un accordo con l’Italia per l’addestramento dei suoi piloti da caccia

L’Italia ha trovato la formula giusta per la formazione dei suoi piloti da caccia? In ogni caso, è ovviamente sempre più follower.

Si ricorda che uno studente di pilota transalpino inizia i suoi studi presso l’Accademia Aeronautica di Pozzuoli [près de Naples], dove ha imparato a volare a bordo degli aerei SF.260EA del 70° Stormo dell’Aeronautica Militare. Poi, in base ai suoi risultati, si unirà poi al 61° Stormo, con sede a Galatina [près de Lecce]. Lì, il suo orientamento [chasse, transport, hélicoptère, drone] sarà determinato alla fine della seconda fase del suo corso. Se le sue capacità lo permetteranno, continuerà il suo addestramento a bordo di un jet trainer T-345A HET. [ou M-345], fino al conseguimento del brevetto di pilota militare.

Infine, il suo corso si concluderà con una quarta fase, denominata LIFT [Lead In to Fighter Training], durante il quale dovrà assimilare i fondamenti del combattimento aereo a bordo di un T-346A e su un simulatore. Questa tappa si svolgerà, dal 2022, a Decimomannu [Sardaigne], l’Aeronautica Militare ha l’ambizione di raddoppiare la propria capacità di addestramento dei piloti da combattimento, che attualmente è di una quarantina all’anno.

Per questo, con l’aiuto di Leonardo, ha creato la Scuola Internazionale di Addestramento al Volo [IFTS], chiamati ad accogliere gli studenti pilota stranieri.

E, dopo Qatar e Germania, il Giappone ha firmato, il 21 ottobre, un accordo con l’Aeronautica Militare per l’addestramento in Italia dei suoi futuri piloti da combattimento, dalla fase 4.

“L’interesse del Giappone per le capacità addestrative dell’Aeronautica Militare è cresciuto dopo una serie di contatti e iniziative, culminate con una visita al 61° Stormo di Lecce nel settembre 2020, durante la quale una delegazione della Forza di Autodifesa Aerea Giapponese ha potuto apprezzare direttamente il eccellenza del sistema addestrativo italiano, con particolare interesse per il sistema addestrativo integrato sviluppato da Leonardo e basato sul velivolo T-346A”, si legge in una nota del Ministero della Difesa transalpino.

READ  Influenzatori del pianeta. Benedetta Rossi, la giornalista gastronomica più famosa d'Italia

Mentre ha appena consegnato le sue funzioni di Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare al generale Luca Goretti, il generale Alberto Rosso ha ricordato che le forze aeree italiana e giapponese «stanno già cooperando con grande successo in molti settori. , ad esempio avendo piattaforme comuni come il velivolo F-35A e la petroliera KC-767”. E aggiungere: “La distanza che ci separa è solo geografica, ma i nostri Paesi sono vicini, uniti, in sintonia su tanti temi e storicamente legati”.

Questo è un dato che senza dubbio tendiamo a dimenticare… Ma l’addestramento militare è un vero vettore di influenza. Quello che gli Stati Uniti hanno capito perfettamente… Tuttavia, in Francia, lo abbiamo perso di vista, in particolare a causa dei tagli di posti subiti dagli eserciti tra il 2008 e il 2015. Inoltre, nel 2018, un deputato aveva sollevato questa questione, durante un’audizione con Florence Parly, Ministro delle Forze Armate.

“Non giochiamo nello stesso campo degli americani”, che hanno capacità formative molto maggiori di quelle che possono offrire i francesi e “la deflazione della forza lavoro che conosciamo da vent’anni non ha risparmiato queste scuole [militaires]. stringere il loro formato è un problema, perché sono vettori di straordinaria influenza e influenza “e” senza dubbio siamo andati un po’ troppo oltre in questo settore “, ha ammesso la signora Parly all’epoca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *