Il G7 afferma che le ampie rivendicazioni marittime della Cina nel SCS non hanno base legale

Il G7 afferma che le ampie rivendicazioni marittime della Cina nel SCS non hanno base legale

I membri del G7 hanno sottolineato che le estese rivendicazioni marittime della Cina nel Mar Cinese Meridionale non hanno base giuridica e hanno espresso grave preoccupazione per l’attuale situazione delle acque.

Nella loro dichiarazione congiunta, anche Stati Uniti, Regno Unito, Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone e Unione Europea hanno espresso la loro opposizione alle attività di militarizzazione cinese nella regione.

Foto per gentile concessione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden

I membri del G7 hanno sottolineato l’importanza dell’UNCLOS, che secondo loro deve essere rispettato perché la legge “stabilisce il quadro giuridico che governa tutte le attività negli oceani e nei mari”.

Hanno aggiunto in una dichiarazione: “Ribadiamo che la sentenza emessa dal collegio arbitrale il 12 luglio 2016 è una pietra miliare e giuridicamente vincolante per le parti di tale procedimento e una base utile per risolvere pacificamente le controversie tra le parti”. Una dichiarazione rilasciata dopo che i loro leader si sono incontrati virtualmente il 6 dicembre per affrontare le sfide globali.

La sentenza del 2016 è stata emessa all’Aia dopo che le Filippine hanno presentato un caso di arbitrato contro la Cina in merito alla sua disputa sul Mar delle Filippine occidentali, parte del più ampio Mar Cinese Meridionale dove continuano le attività di bonifica e militarizzazione cinesi.

La sentenza si è rivolta a favore delle Filippine in quanto, citando l’UNCLOS, ha affermato la sovranità territoriale delle Filippine sul Mar delle Filippine occidentali.

“Restiamo profondamente preoccupati per la situazione nel Mar Cinese Orientale e Meridionale. Ci opponiamo fermamente a qualsiasi tentativo unilaterale di modificare lo status quo con la forza o la coercizione”, ha affermato il membro del G7.

I sette paesi e l’Unione Europea hanno chiarito che i loro approcci politici “non sono progettati per danneggiare la Cina e non cerchiamo di ostacolare il progresso economico e lo sviluppo della Cina”.

READ  Storm Arwen eist drie doden in Verenigd Koninkrijk

Hanno appena detto che “una Cina in crescita che rispetta le regole internazionali avrà un’importanza globale”.

“Non ci stiamo separando o chiudendo in noi stessi. Allo stesso tempo, riconosciamo che la resilienza economica richiede la riduzione del rischio e la diversificazione. Adotteremo misure, individualmente e collettivamente, per investire nella nostra vitalità economica”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *