Il CDC avverte che consentire l’abbandono degli ordini di emergenza relativi al Covid limiterà il suo accesso alle informazioni

Il CDC avverte che consentire l’abbandono degli ordini di emergenza relativi al Covid limiterà il suo accesso alle informazioni

I Centers for Disease Control and Prevention (CDC) avvertono che consentire la caduta degli ordini di emergenza COVID-19 a livello nazionale danneggerà la sua capacità di prendere decisioni sulla salute pubblica andando avanti, anche se i casi stanno diminuendo quasi ovunque in America, alcuni cittadini e funzionari sanitari lo sono pronti a lasciarsi alle spalle la pandemia.

La dott.ssa Rochelle Wallinsky, direttrice dei Centers for Disease Control and Prevention, ha dichiarato alla CBS che l’eliminazione di alcuni requisiti e finanziamenti inviati ai servizi sanitari di tutto il paese che li aiutano a raccogliere e tracciare i dati della comunità Covid renderebbe impossibile per l’agenzia continuare a fornire linee guida aggiornate sulla salute pubblica nei prossimi mesi.

L’emergenza pubblica dichiarata dal governo federale in relazione al Covid è stata prorogata a gennaio, ma deve essere rinnovata questo mese dal presidente Joe Biden.

Tuttavia, il presidente è in difficoltà, perché l’estensione degli ordini di emergenza sarebbe in contrasto con la recente retorica sul ritorno alla “normalità”. Il CDC avverte che non farlo potrebbe avere costi per la salute pubblica.

Il CDC ha affermato che i dati sui risultati dei test COVID-19 e sui ricoveri sono attualmente disponibili a causa della dichiarazione di emergenza sanitaria. CBS.

“Quando questo annuncio sarà terminato, anche il CDC avrà accesso a queste importanti informazioni”.

Walinsky è apparsa nel programma 60 Minutes della CBS durante il fine settimana e ha spiegato che la sua agenzia non è in grado di raccogliere i dati da sola.

“Siamo i raccoglitori di dati, ma non abbiamo l’autorità per raccoglierli”, ha detto.

Pertanto, ci affidiamo alla volontà dei paesi di condividerlo con noi e agli accordi di licenza e utilizzo dei dati per farlo.

READ  Incendi in Canada: l'aiuto globale arriva mentre il Quebec combatte gli incendi "storici".

La segnalazione dei dati è già diventata un problema per il CDC e altri servizi sanitari pubblici. Nell’ultimo anno, molti stati e dipartimenti sanitari locali hanno interrotto la segnalazione quotidiana dei casi di Covid, a volte scendendo a rivelare il numero dei casi solo una o due volte alla settimana.

In Florida, dove il governatore Ron DeSantis ha dichiarato la sconfitta del Covid nel maggio 2021, a volte passano settimane senza che vengano segnalati casi.

Questa mancanza di dati è diventata un grave problema per gli Stati Uniti in alcuni momenti della pandemia. Lo stato è stato lento ad approvare i colpi di richiamo e i dati sui casi giornalieri disponibili tra venerdì e lunedì nel paese sono quasi inutili.

Tuttavia, la natura dell’America rende difficile tracciare correttamente i dati a livello nazionale. Il paese è enorme, si estende dall’Alaska artica agli stati tropicali come la Florida e le Hawaii. Ci sono centri urbani densi come New York City e San Francisco e comunità rurali scarsamente popolate in tutto il Midwest e il sud. È quasi impossibile per una singola agenzia raccogliere costantemente dati da tutte queste fonti, anche se lo volesse.

“[Israel has] Un sistema sanitario unico che dialoga liberamente con il proprio sistema sanitario pubblico. Confrontando gli Stati Uniti con il paese mediorientale che il CDC ha utilizzato per alcune linee guida relative alla pandemia come l’approvazione dei colpi di richiamo, ha affermato Walinsky. .

I dati sull’ospedalizzazione, in particolare, sono fondamentali, poiché l’agenzia ha aggiornato il suo livello di rischio Covid per ciascuna contea il mese scorso per valutare il ricovero e la capacità dell’ospedale.

READ  日韩争端再起 美国“三方同盟”被泼冷水_新浪新闻

I livelli di rischio per ciascuna contea degli Stati Uniti vengono aggiornati ogni giovedì pomeriggio, ma i dati per gli aggiornamenti saranno incompleti se i funzionari locali in tutto il paese non devono o non hanno la possibilità di riportare i dati completi.

Secondo le più recenti linee guida, si ritiene che solo il 2% degli americani viva in un’area a rischio di contrarre il virus Covid. Questo perché sia ​​i casi che i ricoveri diminuiscono rapidamente.

L’America registra 31.874 casi al giorno, in calo del 24% rispetto alla scorsa settimana. Anche il numero di americani ricoverati in ospedale con il virus è sceso a 28.000, in calo del 43% negli ultimi 14 giorni.

Tuttavia, il CDC avverte che i casi potrebbero riprendere a crescere presto. I dati sulle acque reflue, un processo che testa campioni di acque reflue per la diffusione generale del virus in una comunità, mostrano che c’è un numero crescente di infezioni da COVID-19 negli Stati Uniti.

“Sebbene i livelli delle acque reflue siano generalmente molto bassi, stiamo assistendo a un aumento del numero di siti che segnalano un aumento”, ha affermato Amy Kirby, capo del programma per le acque reflue del CDC. Bloomberg questa settimana.

I dati sulle acque reflue sono spesso da pochi giorni a poche settimane prima che appaiano i numeri dei casi Covid perché il virus appare nei campioni di rifiuti prima che una persona avverta i sintomi, ovvero quando la stragrande maggioranza delle persone viene testata. La prevalenza di casi asintomatici rende probabile che molti dei casi riscontrati nelle acque reflue non entreranno mai nelle cifre ufficiali.

READ  不近人情 ︳丈夫變植物人申請殘疾證 妻子:被要求丈夫親身交表 - 晴報 - 家庭 - 家居

La situazione in Europa potrebbe indicare un imminente rally anche per gli Stati Uniti. Il Regno Unito, spesso davanti agli Stati Uniti, ha visto un aumento giornaliero dei casi di Covid nell’ultima settimana. Come negli Stati Uniti, i casi hanno iniziato a diffondersi attraverso lo stagno alla fine di gennaio.

Il calo del numero di casi ha reso i funzionari sanitari e il governo – e i normali britannici – fiduciosi che l’epidemia si stia avvicinando alla fine. Il primo ministro Boris Johnson ha revocato tutte le restrizioni Covid a febbraio e ha annunciato che la nazione era tornata alla “normalità”.

Da allora i casi hanno iniziato ad aumentare, anche se i funzionari sanitari non sono ancora del tutto preoccupati. Sajid Javid, ministro della salute del Paese, ha affermato che il recente aumento dei casi era previsto dai funzionari sanitari dopo la revoca delle restrizioni e che non c’era motivo di farsi prendere dal panico.

Un corso simile di eventi è stato condotto anche in altri paesi europei come Paesi Bassi, Germania, Svizzera e Italia nelle ultime settimane, con casi che sono tornati a saltare dopo che i mandati relativi alla pandemia erano stati lassisti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *