Tra le tensioni al confine, il ministro degli Esteri cinese potrebbe visitare l’India questo mese

Tra le tensioni al confine, il ministro degli Esteri cinese potrebbe visitare l’India questo mese

Il ministro Wang Yi ha recentemente affermato che Cina e India dovrebbero essere “partner, non concorrenti”.

Nuova Delhi:

In quella che potrebbe essere la prima visita di un leader cinese di alto livello dopo il violento scontro alla Line of Actual Control (LAC) in Ladakh, il ministro degli Esteri cinese Wang Yi potrebbe visitare l’India alla fine di questo mese. Probabilmente sarà in Nepal prima della sua visita in India. India e Cina hanno continuato i colloqui a livello militare per risolvere la questione del Ladakh senza molto successo.

Lo stallo del confine è scoppiato nel Ladakh orientale il 5 maggio 2020, dopo un violento scontro nell’area del lago Pangong. Lo scontro si è intensificato dopo gli scontri nella valle di Galwan il 15 giugno 2020, quando almeno 20 soldati indiani e quattro soldati cinesi sono stati uccisi. Il rapporto ha affermato 42, non quattro soldati cinesi sono stati uccisi durante gli scontri.

Ministro Wang Yi Detto all’inizio di questo mese La Cina e l’India hanno dovuto affrontare “alcune battute d’arresto” nelle relazioni bilaterali negli ultimi anni e hanno chiesto che le loro divergenze sulla questione del confine fossero gestite attraverso consultazioni su un piano di parità per una soluzione “equo ed equo”. Ha anche affermato che alcune potenze hanno sempre cercato di infiammare le tensioni tra Cina e India, in un apparente riferimento agli Stati Uniti.

In risposta a una domanda sulla questione dei confini e delle relazioni tra i due vicini, ha affermato: “Le relazioni tra Cina e India hanno subito negli ultimi anni alcune battute d’arresto, che non servono gli interessi fondamentali dei due Paesi e dei due popoli”.

READ  Giubileo di platino: Sir Elton John e Doran Duran si esibiscono al Party at the Palace il terzo giorno, ma la regina salterà l'Epsom Derby | Notizie dal Regno Unito

Ministro degli Affari Esteri S. Jaishankar, le relazioni dell’India con la Cina stanno attraversando una “fase molto difficile” dopo che Pechino ha violato gli accordi di confine. Ha detto alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco (MSC) in Germania quest’anno. Ha anche sottolineato che “lo stato del confine determinerà lo stato della relazione”.

Jaishankar aveva confermato il mese scorso che l’India era impegnata in colloqui con la Cina sulla questione del confine con il Ladakh con assoluta chiarezza che non avrebbe accettato alcun cambiamento nello status quo o qualsiasi tentativo di modificare unilateralmente la linea di controllo effettivo (LAC) in gli Stati Uniti. La zona.

“Siamo molto chiari sul fatto che non accetteremo alcun cambiamento nello status quo. Qualsiasi tentativo di modificare unilateralmente il LAC è unilaterale. Quindi, non importa quanto sia complicato, per quanto tempo ci voglia, non importa quanto sia difficile, io pensare che la chiarezza è ciò che ci guida”, Ha detto durante un’interazione in un think tank a Parigi.

Il ministro Wang Yi, che è anche consigliere di stato, ha affermato che Cina e India dovrebbero essere “partner, non concorrenti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *