Il cambiamento climatico sta aumentando la gradazione alcolica nel vino

Non succede molto leggendo la letteratura professionale sul vino, ma la mia bocca si è aperta nel maggio 2019: “Il Bordeaux consentirà nuove uve dal 2021”. due più grandi etichette (Regioni vinicole a denominazione di origine protetta) La regione vinicola di fama mondiale – Bordeaux e Bordeaux Superior – ha ottenuto dal governo francese il permesso di utilizzare varietà off-label. Confrontalo con la notizia del 1983 che Johan Cruyff iniziò a giocare a calcio nel Feyenoord. Inimmaginabile, ma vero.

I francesi sono noti per attribuire grande importanza alle proprie regole e tradizioni. Una tale violazione di questo sistema di denominazione strettamente regolamentato significava che qualcosa stava già accadendo.

E sì, c’è davvero motivo per un lieve panico. Dietro questo cambiamento normativo francese si cela un problema globale. Il cambiamento climatico e le condizioni meteorologiche sempre più rigide stanno influenzando la produzione di vino. E possiamo assaporarlo più vividamente nel nostro bicchiere.

I capricci della natura non sono ovviamente nuovi per i viticoltori. Freddo, ondate di caldo, piogge torrenziali: queste sono le sfide che accompagnano la professione. Ma queste stranezze stanno diventando più frequenti e intense – e i vigneti stanno finendo i soldi. In questo vecchio anno, i vigneti in Francia e Spagna sono stati schiacciati da forti grandinate, incendi negli Stati Uniti hanno distrutto migliaia di ettari e terribili inondazioni nella regione dell’Ahr hanno lasciato centinaia di viticoltori tedeschi senza nulla a luglio. All’inizio di quest’anno, le gelate primaverili in tutta Europa hanno assicurato che il 2021 apparirà nei libri come storicamente antiquato, con il raccolto più basso dal 1977.

Tuttavia, il cambiamento climatico più pericoloso è di un tipo strisciante: il riscaldamento globale. Ribalta il tradizionale sistema di denominazione: l’uva e il clima non sono più coerenti tra loro, per cui si adottano misure di emergenza, come a Bordeaux.

READ  La TV satellitare ICESat-2 della NASA Computer rivela la forma e la profondità delle fratture della piattaforma di ghiaccio antartica: cosa succede?

Come bevitore di vino, di solito non ti accorgi di tutto questo disastro. Al massimo, il tuo vino preferito improvvisamente non è più disponibile o è diventato un po’ più costoso. Ma per coloro che non sono così esigenti, ci sono sempre molte alternative. Non più bordeaux? Oh, e poi fai un Verdigo.

Bolle britanniche

Tuttavia, gli effetti del cambiamento climatico si possono già trovare nel bicchiere di vino. Ad esempio, la viticoltura è ora possibile nelle regioni settentrionali, motivo per cui, ad esempio, stiamo già bevendo più vino locale dall’Olanda. Nel Regno Unito, produzione effervescente fiorire Mentre l’uva nello champagne diventa troppo matura per questo, spesso ti imbatti nello champagne (vino normale, senza bollicine).

Nelle classiche regioni vinicole meridionali, le temperature più elevate fanno maturare l’uva e i vini pesanti e concentrati con gradazioni alcoliche elevate (dal 14 al 16 percento). Questo presenta immediatamente ai viticoltori un difficile paradosso: con l’aumento delle temperature, aumenta il nostro appetito per il vino fresco e leggero. Il vino con una gradazione alcolica inferiore (fino al 12,5%) è anche più adatto a uno stile di vita moderno e consapevole.

L’aumento della gradazione alcolica è notevole nei vini di tutto il mondo. A temperature più elevate e siccità, l’uva produce più zuccheri endogeni, che si trasformano in alcol durante la fermentazione. La gradazione alcolica del vino rosso australiano è aumentata dal 2% al 14,4% dagli anni ’80. In Linguadoca (sud della Francia) è passato dall’11 al 14 per cento in 35 anni. Bordeaux ne è forse l’esempio più chiaro. “Vent’anni fa, il 12,5% era la norma qui”, afferma Kees van Leeuwen tramite Zoom dalla sua città natale vicino a Bordeaux. “Ora il 15% non fa eccezione”. Van Leeuwen, professore olandese di viticoltura presso la Purdue University of Agricultural Sciences, Purdue Agricultural University, è un esperto di uva e cambiamento climatico.

READ  Le accademie scientifiche europee mettono in guardia contro la catastrofica distruzione della biodiversità

Perché le temperature più elevate di Bordeaux sono un problema se anche i paesi più caldi di altre parti del mondo producono vino a queste temperature? Van Leeuwen: “Dipende in gran parte dal tipo di uva coltivata in un luogo. Ogni uva ha il suo modello di maturazione e le sue caratteristiche. In breve: nei paesi freddi si piantano uve che maturano rapidamente, e nei paesi caldi si preferiscono varietà con una maturazione più lunga ciclo. L’uva dovrebbe andare e il clima fianco a fianco. “

La selezione di alcuni vitigni all’interno di un’etichetta è stata tradizionalmente stilizzata come ‘terroir’. Questa non è una parola di vanto inventata da intenditori di vini maturi, ma la somma di tutte le condizioni naturali in un unico luogo. Il tipo di terreno, ad esempio, ne fa parte, ma lo sono anche fattori climatici come le precipitazioni e la temperatura. Van Leeuwen: “Se uno di questi fattori cambia, le cose andranno fuori equilibrio. A Bordeaux, ad esempio, vediamo che le uve a maturazione precoce come il Merlot ora producono molti zuccheri molto prima”.

Leggi anche: IPCC: Il cambiamento climatico è inevitabile e ora sta colpendo il mondo intero.

poteri

Sebbene lo stesso Van Leeuwen preferisca che il 15% dei professionisti non beva, non pensa che l’alcool sia il problema più grande. “Il profilo aromatico è cambiato molto dagli anni ’80. I vini sono meno acidi e hanno un odore meno ‘verde’ [minder rijp, red.], tendono sempre più al frutto maturo. Per gli esperti e gli appassionati, questo è più importante di quella percentuale di alcol. Se un vino che sapeva di frutta fresca ora ti ricorda le pesche, l’identità del vino è completamente cambiata. “

READ  Hubble scopre che i fratelli galattici litigano

Hai scavalcato la terra delle tradizionali uve bordolesi? Van Leeuwen: “Vero. Non tutte le specie coltivate, ad esempio il Cabernet Sauvignon vanno molto bene. Ne verranno piantati altri. Il Merlot dovrà arrendersi. Ma per far fronte ai cambiamenti climatici, è necessario piantare più uve che equilibrino le nuove condizioni».

Quali oggetti faranno parte della mano di Van Leeuwen. Nel 2011, ha creato un “vigneto di ricerca”, commissionato dall’organizzazione ombrello dei viticoltori di Bordeaux (CIVB), con 52 varietà di uve alternative per l’analisi. “Stiamo guardando le uve che danno i migliori risultati nel clima mutevole di Bordeaux. Per il rosso la varietà portoghese toriga nacional dà ottimi risultati, e per il bianco do le migliori possibilità all’Albarino. Ma non aspettarti il ​​Bordeaux intero regione da riempire tra vent’anni, al massimo qualche punto percentuale».

Il tempo dirà se le bollicine dall’Inghilterra e l’Albarino da Bordeaux diventeranno la norma. Ma sicuramente avremo modo di assaggiare cose nuove.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *