I ricercatori cinesi sviluppano una batteria impiantabile che funziona con l'ossigeno corporeo!

I ricercatori cinesi sviluppano una batteria impiantabile che funziona con l'ossigeno corporeo!
Questa nuova tecnologia ha il potenziale per rivoluzionare il modo in cui vengono alimentati i dispositivi medici impiantabili come pacemaker e neurostimolatori, riducendo la necessità di interventi chirurgici invasivi per sostituire le batterie.
Lee Bill Lee Bill Meteorite Regno Unito 4 minuti

I ricercatori cinesi affermano di aver fatto grandi progressi nella tecnologia medica sotto forma diUna batteria impiantabile utilizza l’ossigeno nel corpo per produrre energia.

Questa innovazione, dettagliata in uno studio pubblicato sul Journal of Chemistry, avrebbe il potenziale per raggiungere proprio questo obiettivo Rivoluzionando il modo in cui funzionano i dispositivi medici impiantabili come pacemaker e neurostimolatoririducendo la necessità di interventi chirurgici invasivi per sostituire le batterie.

Il gruppo di ricerca, guidato da Xizheng Liu dell’Università di Tecnologia di Tianjin, si è concentrato sulla creazione di una batteria sicura ed efficace per il corpo. Hanno realizzato gli elettrodi della batteria con una nanolega di sodio e oro, un materiale noto per la sua biocompatibilità e i cui pori sono molto più fini di una ciocca di capelli. Questa batteria funziona reagendo con l'ossigeno nel corpo per produrre elettricità, un processo considerato innocuo e sostenibile grazie alla continua disponibilità di ossigeno e alla natura non tossica dei sottoprodotti prodotti..

Promessa per future applicazioni

Per testare il dispositivo, i ricercatori hanno impiantato la batteria sotto la pelle dei topi, dove hanno osservato per due settimane una potenza elettrica stabile e nessun effetto dannoso sulla salute. Sebbene la corrente di uscita della batteria sia troppo bassa per alimentare dispositivi medici, la sua tensione stabile e l’assenza di infiammazioni o danni significativi al corpo dei topi sono promettenti per applicazioni future.

Anche gli scienziati hanno notato come L’area attorno alle batterie impiantate è guarita molto bene, con ricrescita dei capelli e persino rigenerazione dei vasi sanguigniCiò suggerisce che il trapianto ha potenziali benefici secondari come il monitoraggio della guarigione delle ferite.

READ  Il mondo si oscura! È stato dimostrato che è collegato agli effetti del cambiamento climatico.

Per la fase successiva della ricerca, il team ha affermato che si sta concentrando sul miglioramento della capacità di alimentazione della batteria della tecnologia esplorando materiali e design più efficienti. Un’applicazione potenzialmente rivoluzionaria prevede di prendere di mira le cellule tumorali riducendo la loro fornitura di ossigeno Oppure convertendo l'energia della batteria in calore per distruggerla.

Qualunque cosa accada dopo, una cosa è certa: La ricerca apre nuovi entusiasmanti orizzontinon solo per far funzionare gli impianti medici in modo più efficiente e sicuro, ma anche per nuove bioterapie avanzate, cioè l’uso di materiali ricavati da organismi viventi per curare le malattie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *