I punti di forza e di debolezza delle quattro banche

di Leonida Stirgo

Dicono che un’immagine valga 1000 parole. Ciò vale ovunque, con la possibile eccezione dei risultati a nove mesi delle quattro banche regolari.

Il primo sguardo solleva preoccupazioni, con poche eccezioni, su redditività, capitale, costi e prestiti rossi, nonostante le massicce cartolarizzazioni avvenute.

Il secondo sguardo sottolinea l’ottimismo e gli obiettivi ambiziosi delle banche per sostenere dinamicamente l’economia reale nel 2022 da una base più forte e più sana.

A partire dal base, cioè il reddito delle banche, si registra una leggera diminuzione nei nove mesi del 2021, rispetto al corrispondente periodo del 2020, fatta eccezione per Banca del Pireo.

Un’analisi del risultato operativo di ciascuna banca fornisce un quadro più completo. Ad eccezione della Banca nazionale, le altre tre banche regolari hanno registrato una lieve flessione degli interessi attivi. Tutti hanno mostrato un aumento delle commissioni attive, mentre il contributo dei proventi da negoziazione è stato significativo per il Pireo e le Banche Etniche.

reddito da interessi

Il motivo della diminuzione dei margini di interesse e degli interessi attivi è dovuto ai seguenti fattori:

1. Primo di Grandi vendite di titoli in prestito rosso, che sono stati operati, cioè l’esclusione dal bilancio, entro nove mesi. Anche se i prestiti sono scaduti, le banche registrano i proventi delle rate non pagate (ratei). All’esclusione, cioè all’uscita di tali portafogli dal bilancio, la contabilizzazione di tali proventi cessa. Pertanto, questa riduzione è più che contabilità materiale. Eurobank ha risentito della cartolarizzazione del Messico (3 miliardi), Alpha Bank della cartolarizzazione di Galaxy (10 miliardi) e del Pireo della cartolarizzazione di Phoenix/Vega (7 miliardi nel secondo trimestre) e Sunrise 1 (7 miliardi). Terzo trimestre). Alla Banca nazionale l’impatto totale della cartolarizzazione delle frontiere (6 miliardi) non è stato registrato, sebbene sia stato completato, poiché sono stati compiuti passi avanti e l’esclusione sarà ufficiale nel quarto trimestre.

READ  Censimento | Gli italiani sono sempre meno numerosi

2. In secondo luogo, I rimborsi dei prestiti sono stati superiori ai nuovi prestiti Che ha superato il target fissato a 15 miliardi per l’anno 2021. Diminuisce così il saldo dei prestiti con interessi. Gran parte dei pagamenti è arrivata da grandi aziende che hanno sostituito i prestiti bancari con l’emissione di obbligazioni grazie alle favorevoli condizioni dei mercati. Nelle famiglie i rimborsi restano superiori ai nuovi pagamenti e, di conseguenza, l’espansione del credito resta negativa.

3. Terzo, La concorrenza, che si è concentrata principalmente sul credito commerciale, ha tagliato i tassi di interesse sui prestiti.

prestiti

Tutti i suddetti fattori si riflettono nell’indice dei tassi di interesse, che è diminuito per tutti tranne che per la Banca nazionale, ma anche nel volume dei prestiti. Questo è inferiore ai corrispondenti nove mesi dello scorso anno, nonostante i nuovi prestiti, a causa della cartolarizzazione e del rimborso. Il risultato positivo di tutto ciò è che le banche greche di oggi possono avere meno prestiti nei loro portafogli, ma generano un reddito reale (servito) da loro e richiedono meno accantonamenti a causa del minor rischio.

Ricavi da negoziazione e commissioni

Tutte le banche hanno evidenziato un aumento delle commissioni attive e degli oneri da carte, sistemi di pagamento e rete. Qui, forse, va notato che queste entrate potrebbero non essere significative dal 2022, a causa delle vendite dei sistemi di carte. Eurobank vende il 100% del sistema di carte a Worldline e Pireo il 100% a Euronet, mentre Alpha Bank e National Bank detengono circa il 50% in una joint venture con Nexi ed EVO, rispettivamente. Naturalmente, i risparmi, le partnership e la crescita commerciale in generale possono compensare le perdite di vendita.

READ  Italia: blocco esteso alla luce della politica pasquale DW

Un’altra componente dei ricavi è quella che deriva dal trading, principalmente obbligazioni. Ciò è più evidente nel Pireo e in Ethniki, che rappresentano quasi la metà del reddito da interessi. Tuttavia, la formazione delle entrate ha a che fare con la strategia e la personalità di ciascuna banca. Ad esempio, Eurobank ha tre principali fonti di reddito, dalla Grecia, dal settore immobiliare e dalle attività internazionali, con un focus sulla gestione patrimoniale ovunque. Il Pireo si concentra sulla ricchezza, mentre Alpha Bank si concentra maggiormente sul corporate, mentre è in procinto di ristrutturare le sue filiali estere. Pireo ed Ethniki si affidano maggiormente alle attività in Grecia, nel settore bancario e al dettaglio. Ciò non significa che non tutti si concentrino su tutte le aree come private banking, spedizioni, ecc.

redditività

Se guardiamo ai guadagni prima delle tasse, vedremo grandi perdite, specialmente in Alpha Bank e nel Pireo. Ma questa dimensione non dice del tutto la verità, perché i costi di transazione di Galaxy e Sunrise, rispettivamente, sono a carico di loro. Anche la cartolarizzazione costa capitale.

Pertanto, dobbiamo guardare all’utile netto ante imposte che non solo è positivo, ma è al di sopra degli obiettivi originari delle banche. Ecco perché hanno rivisto al rialzo i loro obiettivi di redditività per il 2021 e il 2022 per gli analisti quando hanno presentato i risultati dei nove mesi. Inoltre, è un costo non ricorrente, che è associato allo stesso tempo all’eliminazione permanente dei rischi e, di conseguenza, alla riduzione dei fondi congelati. Pertanto, il costo del consolidamento e dell’empowerment era una tantum.

I costi, che determinano anche la redditività, sono sostenuti da altri oneri, sempre di natura consolidativa e di ristrutturazione, quali volontariato, chiusura di negozi, riorganizzazione, scissioni, ecc. Per questo motivo i rapporti costi/ricavi sono piuttosto elevati.

READ  Come Mario Draghi vuole restaurare le spiagge private italiane dell'Uomo

Qualità dei prestiti e dei fondi


Stanno arrivando tassi sui prestiti rossi, probabilmente più alti di quanto ci si aspetterebbe, con l’eccezione di Eurobank, che è arrivata prima a una cifra. L’importante qui è che queste percentuali siano pro forma, il che significa che chiuderanno molto meno nell’anno e saranno disponibili per tutte le banche a una cifra all’inizio del 2022 e meno del 5% e vicino al 2% dopo. Inoltre, gli accantonamenti aumentati, sebbene i prestiti rossi siano diminuiti, il che li protegge di più, ma mina la redditività.

In termini di coefficienti di adeguatezza patrimoniale, tutti hanno tassi al di sopra delle soglie. L’indice complessivo è vicino al 16%-19%, mentre il CET1 è intorno alla media europea, ovvero il 12%-13%. L’indice CET1 è leggermente inferiore rispetto all’indice Pireo, che, come detto nelle presentazioni, è una sua strategia per mantenere questo indicatore ben al di sopra del minimo e tra l’8% e l’11%.

Si segnala infine che i coefficienti di adeguatezza patrimoniale aumenteranno una volta superati gli effetti negativi della cartolarizzazione dei crediti, ma anche gli effetti della transizione ai nuovi principi contabili e alle regole di Basilea 3. Solo i nuovi IAS e la Convenzione di Basilea costano almeno 3 punti percentuali sui fondi.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.