Ho sentito per la prima volta il rumore di fondo dell’universo – rts.ch

Ho sentito per la prima volta il rumore di fondo dell’universo – rts.ch

Il rumore di fondo emesso dal vortice di buchi neri giganti, che gli astronomi seguono da 25 anni, è stato individuato grazie a una nuova tecnica di rilevamento delle onde gravitazionali. Questa scoperta apre una “nuova finestra sull’universo”.

Questi risultati, rivelati giovedì, sono il risultato di una collaborazione su larga scala dei più grandi radiotelescopi del mondo. Sono riusciti a catturare questa vibrazione dell’universo con “precisione in senso orario”, cosa che ha entusiasmato gli autori del lavoro pubblicato contemporaneamente su diverse riviste scientifiche.

Predette da Einstein nel 1916 e scoperte cento anni dopo, le onde gravitazionali sono piccole distorsioni nello spazio-tempo, simili alle increspature dell’acqua sulla superficie di uno stagno. Queste oscillazioni, che si propagano alla velocità della luce, sono generate da eventi cosmici violenti come la collisione di due buchi neri.

>> Leggi ancora: I fisici hanno rilevato le onde gravitazionali previste da Einstein

Anche se sono associati a fenomeni massicci, i loro segnali sono molto deboli. Nel 2015, i rivelatori di onde gravitazionali Ligo (USA) e Virgo (Europa) hanno rivoluzionato l’astrofisica rilevando il brevissimo fremito – meno di un secondo – delle collisioni tra buchi neri stellari, che sono dieci volte la massa del Sole.

Pulsar Tik Tok

Questa volta, il segnale di portata molto più lunga tradisce un fenomeno su larga scala, catturato da una rete di radiotelescopi provenienti da Europa, Nord America, India, Australia e Cina, il gruppo di temporizzazione IPTA (International Pulsar Association).Una rete di radiotelescopi provenienti da Europa, Nord America, India, Australia e Cina ha catturato le onde gravitazionali emesse dai buchi neri. [Jay Young – Green Bank Observatory via AP – Keystone]

READ  La Stazione Spaziale Internazionale cattura magnificamente l'immagine dell'Aurora Terra

Stiamo parlando di onde gravitazionali generate dai buchi neri “da diversi milioni a diversi miliardi di volte la massa del Sole”, ha detto Gilles Thoreau, astronomo dell’Osservatorio PSL di Parigi, che ha coordinato il lavoro. Lato francese.

Per rilevare queste onde, gli scienziati hanno utilizzato un nuovo strumento: le pulsar della Via Lattea. Sono stati in grado di misurare una leggera perturbazione nei loro battiti, con “cambiamenti inferiori a un milionesimo di secondo in più di 20 anni”, secondo Antoine Petito, della Commissione per l’energia atomica (CEA).

Questi ritardi erano correlati, un segno di “un disturbo comune a tutte le pulsar”, secondo Gilles Thoreau: la firma distintiva delle onde gravitazionali. “È stato un momento magico”, ha detto Maura McLaughlin, della US Pulsar Search Collaborator.

L’ipotesi preferita per la fonte di queste onde sono coppie di buchi neri supermassicci, ciascuno più grande del nostro sistema solare, “pronti a scontrarsi”, secondo Gilles Thoreau.

ap / idl

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *