Google Play Store potrebbe rimuovere la panoramica delle autorizzazioni dell’app a favore di nuove informazioni sulla sicurezza dei dati

Nel maggio dello scorso anno, Google inserito Nuova sezione sulla sicurezza dei dati per le app pubblicate su Play Store. Una funzionalità che ha iniziato ad apparire negli elenchi di app effettivi nell’aprile di quest’anno e che sarà presto obbligatoria per tutte le app (20 luglio). Le sezioni delle informazioni sulla sicurezza dei dati stanno ora iniziando ad apparire negli elenchi di app in tempo reale nello Store e c’è qualcosa di un po’ preoccupante. Cioè, la nuova finestra informativa sembra sostituire la panoramica delle autorizzazioni delle app che avevano tutte le app nel Play Store.



La nuova sezione sulla sicurezza dei dati del Google Play Store
La nuova sezione sulla sicurezza dei dati del Google Play Store

La nuova sezione sulla sicurezza dei dati del Google Play Store

Se questo suona un po ‘confuso, ecco perché dovresti preoccupartene. Ogni app elencata sul Play Store contiene tradizionalmente una panoramica delle autorizzazioni che il sistema operativo Android richiede al sistema. Le cose vanno da cose benigne e ovvie come l’accesso alla rete a cose più problematiche e sensibili come l’accesso ai contatti, al file system del telefono o ai dati sulla posizione. Questo elenco viene generato automaticamente da Google scansionando i file dell’applicazione dello sviluppatore quando vengono inviati allo Store. Pertanto, nulla può essere cancellato e non divulgato all’utente intenzionalmente o in altro modo.

D’altra parte, la nuova sezione sulla sicurezza dei dati è completamente popolata dallo sviluppatore. Google ha un’interfaccia nella Console per gli sviluppatori del Play Store che elenca l’intera gamma di dati personali e dei dispositivi che uno sviluppatore deve esaminare e rileva se e come viene gestita dalla sua app. Ad esempio, il questionario potrebbe chiedere se la nostra app GSMArena, ad esempio, accede alla tua posizione e ai tuoi dati personali (che, tra l’altro, non lo fanno) e quindi, se sì, come vengono gestiti detti dati e se Bene se condivisi o meno con terzi. Questo dipende interamente dal “sistema d’onore”, per così dire, con Google che specifica semplicemente nel loro sistema regole guida Fornire dichiarazioni false può portare a una qualche forma di punizione.

READ  Recensione Reolink Go PT Plus: una telecamera di sicurezza wireless ricca di funzionalità




La nuova sezione sulla sicurezza dei dati del Google Play Store

Pertanto, sebbene tutti crediamo nelle nuove informazioni sulla sicurezza dei dati, non è difficile capire perché non inserirle negli elenchi del Play Store piuttosto che in una panoramica delle autorizzazioni delle app come pratica perfetta. Per ora, questo è esattamente ciò che sembra accadere. È vero che c’è ancora tempo per mettere a punto questo comportamento e lasciare entrambi i dati al loro posto. O forse ci sbagliamo qui e agli utenti non importa molto delle autorizzazioni? Dicci cosa ne pensi nei commenti.

fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.