Gli scienziati hanno scoperto come si formano misteriosi “ragni” su Marte

Gli aranidi, o “ragni su Marte”, sono strutture misteriose sulla superficie di Marte nelle regioni che circondano il polo. Gli scienziati hanno recentemente dimostrato come si forma. Intorno ad esso Dice Avviso scientifico con un collegamento a Rapporti scientifici.

Foto: NASA / Jet Propulsion Laboratory / o Arizona

Le aranieforme sono sistemi ramificati scuri, simili a ragni, che si trovano solo nelle regioni antartiche del Pianeta Rosso. Non esiste nulla di simile né sulla Terra né su qualsiasi altro pianeta del sistema solare.

Per questo motivo, è difficile capire cosa lo crei esattamente, ma gli scienziati hanno recentemente ricevuto le prime prove fisiche a sostegno dell’idea che le forme aerobiche si formino per sublimazione diretta dell’anidride carbonica congelata.

L’inclinazione assiale di Marte è molto vicina alla Terra, il che significa che anche le fluttuazioni della temperatura stagionale sono simili alle fluttuazioni della temperatura terrestre (sebbene l’anno e, quindi, le stagioni su Marte siano due volte più lunghe). Ciò significa una significativa diminuzione della temperatura in autunno e in inverno e un aumento nelle stagioni primaverili ed estive.

Allo stesso tempo, l’atmosfera marziana è molto diversa da quella terrestre: è composta principalmente da anidride carbonica. Il pianeta si trova anche molto più lontano dalla Terra rispetto al sole, quindi è più fresco lì. Quando arriva l’inverno, l’anidride carbonica dell’atmosfera congela sulla superficie del pianeta, specialmente alle latitudini più elevate.

Nel 2006 e 2007, il geofisico americano Hugh Keffer e colleghi hanno proposto che in primavera l’anidride carbonica congelata sublima, nel senso che si trasforma da ghiaccio in un gas senza una fase intermedia in forma liquida – in una “trappola” sotto il ghiaccio superficiale.

READ  Johannes Kepler è stato accusato di aver ucciso il suo collega

Man mano che il gas si riscalda e si espande, la pressione aumenta fino a quando il bruciatore non si incrina, creando un’apertura per la fuoriuscita del gas. Dirigendosi verso il buco, il gas penetra in un sistema di canali simili a ragnatele sulla superficie di Marte. E quando la calotta glaciale in alto si scioglie finalmente, la forma atriale rimane.

Questa teoria è stata testata sulla Terra – in una camera speciale con pressione bassa al livello dell’atmosfera marziana. Il team ha posizionato una lastra di ghiaccio con anidride carbonica e un unico foro scavato nella superficie, coperto con piccole palline di vetro che simulano fango o regolite. E sì, i ricercatori si sono ritrovati con un sistema di canali simile a un ragno nella sabbia di vetro.

Inoltre, questo processo andava bene se il ghiaccio secco era presente sulla superficie della terra o sotto uno strato molto sottile di esso. Se nel materiale sfuso venissero posti grumi di anidride carbonica completamente solida, l’intera camera di pressione verrebbe letteralmente gettata via dalle schegge.

Il team spera che studiare strane forme nel corso degli anni aiuterà a fare più luce sugli affascinanti processi stagionali su Marte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *