Gli astronomi stanno imparando lezioni dal primo test di deflessione degli asteroidi

Gli astronomi stanno imparando lezioni dal primo test di deflessione degli asteroidi

È successo cinque mesi fa, nella notte tra il 26 e il 27 settembre 2022. A 11 milioni di chilometri dalla Terra, la sonda DART (Dual Asteroid Redirection Test) della NASA, lanciata a più di 22.000 chilometri a est dell’ora, si è scontrata deliberatamente con Dimorphos, un satellite asteroide Piccolo da un asteroide più grande, Didymus. Lo scopo di questo esperimento: vedere se una collisione relativamente modesta (580 chilogrammi) potrebbe deviare un oggetto multimilionario fuori rotta, con l’idea di imparare a proteggere il nostro pianeta da un “asteroide killer” in futuro . La risposta positiva è diminuita dopo due settimane. Ma è chiaro che gli astronomi sono andati oltre il semplice sì che stanno imparando da DART in una serie di cinque articoli pubblicati da natura Mer 1Qualunque Marte.

La scelta di Dimorphos non è stata lasciata al caso. Questo oggetto non è piccolo (circa 150 metri di diametro) e accessibile, ma gli astronomi osservano da circa vent’anni la coppia che forma con Didymos. Quindi conoscevano esattamente il periodo di rivoluzione di Dimorphos attorno al suo vicino prima del confronto con DART: undici ore e cinquantacinque minuti. Dopo l’impatto, questo periodo è stato ridotto di 33 minuti, indicando che l’evento ha avvicinato l’asteroide a Didymos.

Rispetto ai risultati preliminari rivelati nell’ottobre 2022, sono apparse diverse novità nei cinque articoli di naturaPatrick Michel, che ne ha firmati tre, spiega. “Prima di tutto, forniamo una stima della quantità di movimento impartita a Dimorphos, che misura realmente l’efficacia della manovra.”E Insiste questo specialista di asteroidi, direttore della ricerca del CNRS presso l’Osservatorio della Costa Azzurra.

READ  "Era come scendere su un altro pianeta": ciò che i primi scienziati hanno scoperto era discendere a 8000 metri di profondità dalla fossa di Atacama

doppio effetto

I ricercatori, che si aspettavano una riduzione del periodo di rivoluzione di circa sette minuti, sono rimasti sorpresi nel vedere che l’effetto era così efficace. Dopo aver raggiunto Dimorphos, DART non vi è affondato come un carlino. Al contrario, lo shock ha rilasciato molta materia nello spazio. A causa del principio di azione e reazione, gli elementi espulsi in una direzione spingevano dimorphos nell’altra, amplificando la deviazione di almeno un fattore due. Questo effetto moltiplicatore potrebbe essere maggiore, ma i ricercatori, ignari dell’esatta densità e massa di Dimorphos, rimangono cauti.

Leggi anche: Immagini della sonda DART scattate da James Webb e Hubble dopo la collisione con l’asteroide Dimorphos

Il secondo aspetto interessante, Patrick Michel continua, è che proponiamo un modello della forma di Dimorphos, basato sulle immagini 2D restituite da DART durante il suo avvicinamento. Dimorphos ha la forma di Smarties, appiattita, mentre ci aspettavamo una forma allungata, che ricordasse un po’ un pallone da rugby. » Infine, l’analisi delle immagini conferma la grande diversità geologica di Dimorphos, la cui superficie sembra essere completamente ricoperta da massi di tutte le dimensioni, più o meno sepolti. Se questo differisce da quanto visto dalla sonda giapponese Hayabusa nel 2005 sull’asteroide Itokawa, dove si possono distinguere zone lisce fatte di ciottoli, la superficie di Dimorphos ricorda molto quella di Ryugu e Bennu, due asteroidi recentemente visitati dalle sonde giapponesi e americane . Hayabusa 2 e Osiris Rex. Ciò indica che la struttura interna non è omogenea ma assomiglia piuttosto a un gruppo eterogeneo.

Hai ancora il 33,33% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.

READ  C'era una volta la Via Lattea...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *