Giro d’Italia: Romain Bardet, malato, abbandona

Romain Bardet non succederà a Laurent Fignon, l’ultimo francese vincitore del Giro d’Italia nel 1989. Malato, l’Auvergnat abbandonò il Giro, venerdì 20 maggio, nel 13e tappa che porta a Cuneo, ha annunciato l’organizzazione della gara. Il francese del team DSM era al quarto posto della classifica generale, a 14 secondi dalla maglia rosa, lo spagnolo Juan Pedro Lopez.

Sui social la sua formazione ha chiarito che il corridore “mi sono ammalato di notte” e non era in condizione di continuare la gara. Questo ritiro a sorpresa arriva come il 2e del Tour de France 2016 era in ottima forma. Il suo nome è persino uscito con insistenza per sfidare la vittoria finale all’ecuadoriano Richard Carapaz.

Durante la formidabile scalata del Blockhaus di domenica 15 maggio, lo scalatore 31enne ha fatto una forte impressione, nonostante i suoi 2e posto per un tubo dietro l’australiano Jai Hindley. “Finora le cose stanno andando bene. Ho vissuto molto nei grandi tour, grandi gioie, delusioni, ora prendo le cose come vengono, senza entrare nella mia testa.ha detto il corridore di Brioude (Haute-Loire), lunedì, il giorno dopo questa tappa del Blockhaus.

Prima dell’inizio del Giro, e ancor di più con il quarto posto occupato, Romain Bardet è stato uno degli outsider per la vittoria finale. Ma non aveva voluto arrivare a tanto: “Mi sento bene, sta andando tutto bene, è un ottimo inizio ma non siamo ancora a metà del Giro! »ha relativizzato lunedì.

Leggi anche: Ciclismo: un Giro più aperto che mai alle competizioni

In questa stagione, Bardet aveva programmato di “raddoppiare” Giro e Tour de France, ma non ha nascosto di puntare sull’evento italiano per ottenere la migliore classifica generale possibile. Sul versante francese, Guillaume Martin rimane in agguato al 5e posto ora (28 secondi da Lopez). Regolarmente se non vincendo tanto, il Norman del team Cofidis non rinuncia a una gara da… 11 febbraio 2018.

Il mondo con AFP

READ  RELAZIONE. Estensione di Italia 2 a Parigi: nuovi negozi, escape game... cosa ti aspetta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.