Francs Jeux Per Milano / Cortina 2026, gli italiani reinventano il concetto di bilancio olimpico

Il CIO non ne fa mistero: il budget per i Giochi Olimpici è diventata la sua prima ossessione, dallo storico disegno di legge definitivo per le Olimpiadi invernali di Sochi nel 2014. L’ente osserva i conti dei futuri organizzatori con atteggiamento di controllo. Al minimo superamento, vengono chiamati all’ordine.

In un simile contesto, l’ultima scoperta degli organizzatori italiani dei Giochi Invernali Milano / Cortina 2026 potrebbe aprire una breccia. E anche, chissà, reinventare il modo di presentare un bilancio olimpico.

A poco meno di due anni dalla designazione del progetto italiano da parte della 134a sessione del CIO, la Commissione di Coordinamento ha tenuto la sua seconda riunione lunedì 19 aprile. La crisi sanitaria obbliga, si riduce a uno scambio in videoconferenza, necessariamente limitato e superficiale. La prima della serie, tenutasi lo scorso settembre, ha subito la stessa sorte.

È difficile, in queste condizioni, verificare in prima persona lo stato di avanzamento della preparazione. Ma il CIO lo rileva nel suo rapporto: va tutto bene, il treno si muove a un buon ritmo.

Il presidente del comitato di coordinamento, il finlandese Sari Essayah, sottolinea con soddisfazione che il comitato organizzatore di Milano Cortina 2026 ha “ fatto grandi progressi nonostante l’attuale pandemia “. Degno di nota: il processo di selezione per il nuovo emblema dei Giochi, che ha ricevuto più di 871.000 voti.

Secondo Sari Essayah, ” Milano Cortina non è solo progredita nelle aree più visibili, come l’emblema ufficiale, ma anche dietro le quinte, con un lavoro sostanziale in aree come il coinvolgimento, il marketing, le operazioni e la pianificazione del sito.. Hallelujah.

READ  L'Italia sigilla il nord

Unico oggetto di contesa: la pista di bob, slittino e skeleton a Cortina d’Ampezzo. Dalla vittoria italiana contro il progetto olimpico svedese (47 voti contro 34), nel giugno 2019, le due parti si aggrappano.

Gli italiani si ostinano a voler ripristinare la storica pista dei Giochi Invernali di Cortina del 1956, battezzato Eugenio Monti, abbandonato per 13 anni a causa del suo costo. Ma il CIO non lo vuole. L’ente olimpico contesta la rilevanza di un progetto di ristrutturazione stimato in 50 milioni di euro. Insiste sull’assenza di un vero programma legacy.

Nella sua relazione, il comitato di coordinamento ha nuovamente insistito, lunedì 19 aprile, sui suoi dubbi e disaccordi. Spiega di aver ” esprime ancora una volta le sue preoccupazioni per l’eredità di questa traccia “. Sottolinea che il CIO ha avanzato una serie di proposte per organizzare gli eventi su altri binari, in particolare in Svizzera (Saint-Moritz) e Austria (Igls), ma ” nessuno è stato accettato “.

Ma gli organizzatori italiani hanno senza dubbio trovato il modo per sedare le polemiche. E, soprattutto, per calmare il fastidio del CIO. Hanno stupidamente tolto la pista da slittino, bob e skeleton dal budget dei Giochi invernali del 2026.

I lavori sulla pista scorrevole saranno inseriti in un più ampio progetto di parco divertimenti, estraneo ai Giochi del 2026. La spesa, comunque tutt’altro che aneddotica, non farà parte del budget di investimento della manifestazione olimpica e paralimpica.

Il CIO punta il dito contro di esso: la traccia sarà ” utilizzato solo dal comitato organizzatore per la durata dei Giochi. Prima e dopo, il sito sarà sotto l’esclusiva autorità della Regione Veneto e non sarà gestito dal Comitato Olimpico Nazionale Italiano (CONI), né dal Comitato Organizzatore di Milano Cortina 2026 ″.

Chiaramente, indipendentemente dall’importo della fattura, per il CIO, poiché non verrà addebitato ai Giochi …

READ  Vacanze estive: Spagna, Italia, Grecia… Ecco le condizioni di ingresso e uscita per paese

Proseguono invece le discussioni sull’anello di pattinaggio di velocità, già fonte di ” Commenti »Dalla Commissione di valutazione del CIO nel suo rapporto prima dell’elezione della città ospitante per i Giochi invernali del 2026.

Gli organizzatori italiani hanno proposto un anello all’aperto, a Baselga di Piné, in provincia di Trento. Ma il CIO dice di non essere convinto. Sono allo studio due opzioni: un anello di velocità indoor, installato temporaneamente in un’arena di Milano; e la riqualificazione della sede esterna per i Giochi Invernali Torino 2026.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *