“Evremer ha troppi compiti per le sue possibilità” L'istituto francese è leader storico nell'esplorazione oceanica, ma soffre di fallimento finanziario.

“Evremer ha troppi compiti per le sue possibilità” L'istituto francese è leader storico nell'esplorazione oceanica, ma soffre di fallimento finanziario.

Il “gioiello” della ricerca oceanografica francese, l'Istituto francese di ricerca per lo sfruttamento dei mari (Efremre) sta attraversando una crisi finanziaria senza precedenti nel suo 40° anniversario. Una situazione paradossale mentre la Francia si prepara a celebrare l’Anno degli Oceani.

Questo 40esimo anniversario ha un retrogusto amaro“, si lamenta Carla Scalabrin, ricercatrice di acustica subacquea presso il Centro Brest di Losanna.
Per il membro eletto della CGT nel consiglio di amministrazione dell’Ifremer, il futuro sembra buono”.buio“Per l’ente pubblico, che conta circa 1.400 dipendenti, per circa 800 ricercatori.

Non abbiamo più i mezzi per fare tutto ciò che dobbiamo fare. C'è un collasso generale. Siamo tutti più o meno infelici“, descrivendo, citando”Gli stipendi sono tra i più bassi nel mondo della ricerca francese“E gli edifici”Costruito negli anni '60“, la cui ristrutturazione è stata rinviata per mancanza di risorse.

L'Ifremer ha troppi compiti per le sue risorse.

Françoise Gilles

Direttore di ricerca emerito al CNRS

Nato il 5 giugno 1984 dalla fusione dei due enti (Cnexo e ISTPM), però, l’istituto “Ha svolto un ruolo importante nell'esplorazione dell'oceano“, ricorda l’oceanografa Françoise Gilles, direttrice onoraria della ricerca al Centre National de la Recherche Scientifique.Per quanto riguarda le profondità dell'oceano, siamo stati i primi a collaborare con gli americani.

È un gioiello, un istituto che brilla per il suo dinamismoLa signora Gill è d'accordo.Un problema è la varietà dei compiti. L'Ifremer ha troppi compiti per le sue risorse“.

Abbiamo diversi ministeri di vigilanza che ci presentano richieste, ma non vogliono pagarne i costi.

Carla Scalabrina

La CGT è stata eletta nel Consiglio di amministrazione dell'Ifremer

È un'organizzazione di riferimento nelle scienze e tecnologie marine (clima, genomica, fondali marini profondi, ecc.) e l'istituto dispone di 24 siti in tutti gli oceani del mondo.

READ  La sonda Perseverance della NASA sta morendo su Marte

Leggi anche : oceani. Ifremer pubblica 10 milioni di dati sull'ambiente marino

Gestisce inoltre le 17 navi da ricerca della flotta oceanografica francese e svolge un ruolo di esperto nel sostenere il Paese in un'ampia gamma di settori: valutazione degli stock ittici, impatto dei parchi eolici offshore, monitoraggio delle acque costiere, ecc.

Leggi anche : Il sottomarino è scomparso vicino al Titanic. Ifremer e il suo robot Victor parteciperanno alla ricerca
Abbiamo diversi ministeri di vigilanza che ci presentano richieste, ma non vogliono pagarne i costi“, riassume la Scalabrine.

La crescita delle risorse non ha tenuto il passo con la crescita attesa e non ha tenuto il passo nemmeno con l’inflazione.

François Houllier

Amministratore delegato dell'Ifremer

Una visione ampiamente condivisa sull'ubicazione della Pointe du Diable, sede dell'istituto, all'imbocco del porto di Brest.

La crescita delle risorse non ha tenuto il passo con la crescita attesa e non ha tenuto il passo nemmeno con l’inflazione“, dice il CEO François Houllier, in termini più educati.”Oggi abbiamo una vera sfida nella sostenibilità economica della nostra attività“.

Il bilancio 2024, che registra un deficit per il terzo anno consecutivo, lo simboleggia”.Crisi della crescita“, come descritto dal signor Houllier. Con circa 290 milioni di euro di spese, l'Ifremer presenta un deficit previsto di 9,4 milioni di euro.

“Materie prime, energia, attrezzature di laboratorio: tutto è aumentato drammaticamente negli ultimi due anni… e il sostegno del governo non è seguito”, deplora

Jean Bernard Duno

Rappresentante della Federazione CFDT

L'istituto, che ha dovuto attingere alle sue riserve per finanziare gli investimenti attuali, rischia di trovarsi in default nel 2026 se la sua situazione non migliora, secondo un documento presentato al consiglio.

READ  pittura. “Credo nel destino”: dal Gers alla NASA, sogna un giorno di andare nello spazio

Materie prime, energia, attrezzature di laboratorio: tutto è salito alle stelle negli ultimi due anni… e il sostegno del governo non è seguito“, denuncia Jean-Bernard Duno, delegato del sindacato CFDT, che se ne rammarica.”Progetti scientifici“È stato”Congelato“Mancanza di fondi.

UN “Piano di riduzione della forza lavoro“È considerata anche l'ultima risorsa, secondo un documento interno Ma.”Il mio argomento principale è cercare di trovare risorse aggiuntive“, conferma il signor Houllier.
Mentre la Francia inserisce la questione del mare nella sua agenda, la mia speranza è che si possano trovare modi e mezzi per garantire la sostenibilità economica delle attività dell'Ifremer.“, afferma l’amministratore delegato.
La Francia ospiterà la Conferenza delle Nazioni Unite sugli oceani a Nizza nel giugno 2025 e il presidente Emmanuel Macron ha chiesto “Rendi il 2025 l’anno degli oceani“.
Interrogato, il Ministero della Ricerca ha spiegato all’Agence France-Presse che “un lavoro” È stato “Sono in corso i lavori sui nuovi obiettivi, mezzi e contratto di prestazione“Da Everimer per il periodo 2024-2028”Ciò consentirà di attuare un percorso pluriennale corredato da risorse aggiuntive“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *