Europa League – 16 ° – Europa League: l’Italia sorride, Kiev e Olympiakos sul filo

Europa League – 16 °

AS Roma facile, United senza gol, Leverkusen ancora punito, Leicester sorpreso … Ecco gli insegnamenti importanti dalle ultime locandine degli ottavi di finale di Europa League.

Passa il Manchester United, spezza Leicester

Dopo la qualificazione snatch dell’Arsenal, gli altri due club inglesi impegnati questo giovedì sera hanno vissuto fortune variabili. Quasi garantito ai quarti di finale grazie al successo per 4-0 all’andata, il Manchester United si è accontentato di un pareggio all’Old Trafford contro una Real Sociedad arrivata in Inghilterra con poche ambizioni (0-0). Leicester, d’altra parte, era deluso contro lo Slavia Praga. Logicamente battuti in questo incontro (0-2), i compagni di squadra di Jamie Vardy sono stati prematuramente eliminati dall’Europa League, che comunque sono rimasti in quattro partite senza sconfitte in campionato. Una vera battuta d’arresto.

Leggi anche:
Lille può nutrire rimpianti
Cosa ricordare dai principali poster delle 19:00

L’Italia festeggia

A San Siro il Milan era caldo, caldissimo. Sorpresi giovedì scorso a Belgrado, i milanesi non sono riusciti a liberarsi di una vistosa squadra della Stella Rossa (1-1) e che per molto tempo ha creduto di poter ribaltare il secondo in Serie A. Il Milan va in media gol e le sue due in trasferta obiettivi. Non grandioso. E come all’andata, la Roma non ha tremato contro il Braga. Sul suo prato gli italiani hanno vinto 3-1 grazie al primo gol di Dzeko (24e, 1-0). E dopo aver saltato il rigore, Pellegrini ha compensato consegnando una palla superba a Pérez per il gol del riposo (75 °, 2-0). La pedina contro il suo campo di Cristante per il Braga (88 °, 2-1) non impedisce alla Roma di girare verso l’ottavo, e anche Mayoral ne approfitta per illustrare a sua volta (90 ° +1, 3-1). Roma senza troppe difficoltà.

READ  Vantaggi dell'utilizzo di un scopa elettrica

Leverkusen ancora sconfitto, Kiev in linea

Già nel duro dell’andata, il Bayer Leverkusen non ha ricreato la sorpresa tornando a segno dopo l’apertura dello Young Boys dopo l’intervallo (48 °, 0-1). E infine, una nuova unità alla fine della partita manderà sicuramente gli svizzeri agli ottavi di finale. In pessime condizioni dopo la sconfitta per 3-1 della scorsa settimana, il PSV crede da tempo di poter mantenere la qualificazione grazie alla doppietta di Eran Zahavi, ma Ahmed Hassan e Olympiakos mettono fine alle speranze olandesi alla fine della partita. I greci si qualificano con un soffio nonostante la sconfitta (1-2). Proprio come la Dinamo Zagabria. Vincitore 3-2 in Russia, il club della capitale croata ha dominato ancora una volta il Krasnodar (1-0). In Belgio il Bruges non ha trovato la rete ed è stata la Dynamo Kiev a vincere negli ultimi dieci minuti. L’1-1 di giovedì scorso ha quindi giovato ai russi che puntano all’ottavo posto. – TB e HD

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *