Dopo aver pubblicato il video, l’amministrazione “COP” conferma che il sultano Ahmed Al Jaber è un “uomo di scienza”

Dopo aver pubblicato il video, l’amministrazione “COP” conferma che il sultano Ahmed Al Jaber è un “uomo di scienza”

[Cette vidéo] Riflette davvero il modo in cui alcuni hanno costantemente cercato di indebolire la nostra presidenza sin dal primo giorno. Il sultano Al Jaber era molto chiaro nella sua fede nella scienza. » presidenza 28H La Conferenza mondiale sul clima (COP28), lunedì 4 dicembre, ha reagito alle foto pubblicate domenica dal quotidiano britannico. GuardianoEsprimendo il suo rammarico per le critiche mosse dai media internazionali, ha ribadito che l’obiettivo di limitare l’aumento della temperatura a 1,5 SÈ stato “Stella del Nord” Dal sultano Ahmed Al Jaber, presidente della COP28 – una frase ripetuta più volte da quando la conferenza si è aperta giovedì 30 novembre.

Video rivelato da un quotidiano britannico Mostra uno scambio di tensione tra il sultano Al Jaber e l’ex presidente irlandese Mary Robinson, membro del Global Elders Group, avvenuto il 21 novembre. “Non parteciperò in nessun caso a discussioni preoccupanti. Durante questa discussione, Sultan Al Jaber dice: Né gli studi scientifici né gli scenari affermano che l’uscita dai combustibili fossili ci consentirà di raggiungere 1,5 Scontro. (…) Mostrami la road map per abbandonare i combustibili fossili in linea con lo sviluppo sociale ed economico, senza riportare il mondo all’era delle caverne. »

Majed Al Suwaidi, direttore generale della COP 28, ha spiegato lunedì mattina che il sultano Ahmed Al Jaber stava parlando, in questo scambio, dell’obiettivo di raggiungere “emissioni nette zero” nel 2050, sottolineando che “Tutti i rapporti scientifici indicano chiaramente che i combustibili fossili faranno parte del mix [énergétique] ».

Leggi anche: La COP28 approva l’istituzione di un Fondo per i danni climatici

Lo dicono gli esperti i numeri

Nello scenario di transizione aggiornato a settembre, l’IEA stima che la produzione di combustibili fossili nel settore energetico dovrà diminuire dell’83% tra il 2022 e il 2050, lasciando una produzione rimanente di 88 exajoule – rispetto ai 511 exajoule del 2022. Da parte sua, l’InterGovernmental Lo ha previsto il Gruppo di esperti sui cambiamenti climatici nel suo rapporto pubblicato a marzo L’uso di carbone, petrolio e gas deve diminuire rispettivamente di circa il 95%, 60% e 45% entro il 2050 (rispetto al 2019) nella speranza di limitare il riscaldamento globale a 1,5 Scontro.

READ  I cosmonauti hanno visto un lampo blu sull'Europa, hanno raccolto quasi la stessa cosa unica sulla Slovacchia

Anche il sultano Al Jaber conferma che la riduzione e l’uscita dai combustibili fossili è, secondo lui, “inevitabile”. “Sultan Al Jaber è un professionista, scienziato e ingegnere. In questa conversazione chiedeva semplicemente: aiutami a capire il metodo [faire cette transition]. Come possiamo raggiungere gli obiettivi del 2050 in modo responsabile, equo e giusto? Come raggiungere questo obiettivo tecnologicamente? Come fare i giusti investimenti? »Difendi il signor Al Suwaidi.

Hai il 50% di questo articolo da leggere. Il resto è riservato agli abbonati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *