Disaccordo tra Francia e Italia sull’immigrazione

Disaccordo tra Francia e Italia sull’immigrazione

Stéphane Séjourné, leader del partito di Emmanuel Macron, ha definito la politica sull’immigrazione del primo ministro italiano Giorgia Meloni un“disumano”, a seguito di critiche simili da parte di Gérald Darmanin la scorsa settimana. Queste osservazioni hanno fatto infuriare il vicepremier italiano Matteo Salvini, mentre Giorgia Meloni sta cercando di voltare pagina.

la settimana scorsail ministro dell’Interno francese Gérald Darmanin ha riaperto una crisi diplomatica tra Francia e Italia, quando ha dichiarato che Giorgia Meloni era “incapace di risolvere i problemi di migrazione” nel suo paese, nonostante le sue promesse elettorali di istituire un “blocco navale”.

Lo aveva denunciato il ministro degli Esteri italiano Antonio Tajani “un insulto gratuito e volgare rivolto a un paese amico e alleato”aggiungendo di aspettarsi delle scuse da Parigi.

Per calmare gli animi, la sua controparte francese Catherine Colonna lo ha chiamato due volte, ha detto Tajani.

Mercoledì (10 maggio), Stéphane Séjourné, segretario generale del Rinascimento, il partito di Emmanuel Macron, ha provocato a sua volta l’ira dell’Italia, giudicando che “[Giorgia]La Meloni fa molta demagogia di fronte all’immigrazione”. Ha definito la sua politica “ingiusta, disumana e inefficiente”, secondo i commenti riportati dal quotidiano Le Figaro. [Parlement européen/Fred Marvaux]

L’Italia, un partner imprescindibile

Sulla stessa linea, lo ha ricordato venerdì (5 maggio) il premier francese, interpellato in conferenza stampa “L’Italia è un partner essenziale della Francia e che il nostro rapporto si basa sul rispetto reciproco”. La priorità dovrebbe essere data a “cooperazione e [à] un dialogo pacifico per continuare a lavorare insieme »ha aggiunto la signora Borne.

Non c’era “nessun desiderio di ostracizzare l’Italia” in alcun modo, ha detto il portavoce del governo francese Olivier Véran.

Commenti di Mr. Véran “andare nella giusta direzione”ha detto Tajani, il quale ha precisato che queste affermazioni provengono da “qualcuno che si è reso conto di aver commesso un grave errore” offendendo il governo italiano.

READ  TEMPO MOLTO CATTIVO in viaggio verso Nord-Est, prime tempeste e NUVOLE al Centro. Venti forti e molto CALDI al Sud «3B Meteo

“Non siamo un governo di estrema destra. Alcuni toni si possono risparmiare, e spero che queste siano solo le parole di un ministro in campagna elettorale. Non abbiamo alcun desiderio di rompere i rapporti con la Francia.ha raccontato Tajani RaiNews24.

Tuttavia, le cose non si sono fermate qui.

Estrema destra

Mercoledì (10 maggio), Stéphane Séjourné, segretario generale del Rinascimento, il partito di Emmanuel Macron, ha provocato a sua volta l’ira dell’Italia, giudicando che “[Giorgia]La Meloni fa molta demagogia di fronte all’immigrazione”. Ha chiamato la sua politica a“ingiusto, disumano e inefficace”secondo i commenti riportati dal quotidiano Le Figaro.

Per lui, “L’estrema destra francese prende spunto dall’estrema destra italiana. Dobbiamo denunciare la loro incompetenza.ha aggiunto Séjourné.

Il signor Salvini ha reagito chiamando la retorica del signor Séjourné“Inaccettabile e offensivo”. “La Francia non può dare lezioni a nessuno. Deve rispettare il governo italiano”ha scritto su Twitter.

Secondo la Meloni, che mercoledì si è recata a Praga per incontrare il suo omologo ceco, Petr Fiala, le dichiarazioni francesi contro di lei sulla migrazione sono state fatte per “regolare i conti interni” volto a mantenere il consenso elettorale in Francia.

“Non penso che sia l’ideale politicamente e protocollmente, ma ognuno fa le scelte che vuole. […] Non voglio entrare in questo, capisco le difficoltà. Non credo che sia un problema che hanno con noi”.lei ha aggiunto.

In Francia, la crisi tra Francia e Italia è un’occasione per la destra e l’estrema destra per attaccare il governo di Emmanuel Macron. La signora Meloni “è più efficiente di Gérald Darmanin”ha affermato il leader del gruppo Les Républicains (PPE) all’Assemblea nazionale, Olivier Marleix, a TV FM Mercoledì sera.

READ  GustoMassimo Paris, un autentico ristorante italiano di piatti da condividere

Martedì, durante la sessione di interrogazioni al governo in Assemblea, la deputata di estrema destra Alexandra Masson (National Rally/ID) ha espresso preoccupazione per “parole e azioni disastrose” e di “dichiarazioni irresponsabili” del ministro dell’Interno Gérald Darmanin.

Quest’ultimo per primo ha indicato che la risposta alla crisi migratoria era europea, perché ” dovrebbe […] controlli esterni alle frontiere europee, procedura unica di asilo, revisione del regolamento Dublino”.

Ma, si lamentava, “I nostri amici italiani difficilmente affrontano più i dublinesi”vale a dire le persone che dovrebbero tornare nel primo paese dell’UE in cui sono arrivate, come previsto dal regolamento sull’immigrazione di Dublino.

Ha poi denunciato l’atteggiamento del Raduno Nazionale (ID) che, al Parlamento Europeo, “ha votato contro il mandato negoziale per risolvere questi problemi”.

Al contrario, i loro alleati italiani nella Lega e gli eurodeputati del partito di Giorgia Meloni Fratelli d’Italia (CRE) hanno votato a favore del pacchetto.

lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *