Dimentica tutto ciò che pensi di sapere sui due pianeti, questo studio cambia tutto

Dimentica tutto ciò che pensi di sapere sui due pianeti, questo studio cambia tutto

Uno studio recente ha messo in dubbio la composizione dei giganti del ghiaccio Urano e Nettuno, mettendo in dubbio l’idea che siano composti principalmente da acqua. I risultati preliminari indicano una sorprendente presenza di metano, che potrebbe evidenziare aree grigie man mano che si forma. Pertanto, una revisione dei modelli attuali sembra inevitabile.

Immagine di Nettuno
Nettuno – Fonte: NASA

IL Giganti del ghiaccio per il sistema solare, Urano E NettunoGli scienziati sono sempre stati affascinati dalla loro lontananza e… I loro segreti. Questi pianeti furono osservati per la prima volta in profondità dalla missione Voyager 2 negli anni '80, e fino a poco tempo fa erano considerati… Mondi ricchi di acqua ghiacciata. Studi precedenti si basavano su modelli in cui acqua, ammoniaca e altri idrocarburi costituiscono gran parte della loro composizione interna sotto strati di idrogeno ed elio.

Tuttavia, uno studio condotto da Uri Malamud del Technion – Israel Institute of Technology – fornisce a Scenario diverso. Utilizzando i dati raccolti dai telescopi terrestri e dal James Webb Space Telescope, questa ricerca rivela proprio questo Metano Può essere un componente Più comune Di quanto pensassimo su questi pianeti. Questo idrocarburo Che appare sotto forma di ghiaccio nelle condizioni estreme di questi pianeti, potrebbe mettere in dubbio molte teorie sulla formazione di Urano e Nettuno.

Sullo stesso argomento: l'energia oscura sarà responsabile della fine dell'universo? Questo studio affronta questa domanda

I giganti del ghiaccio Urano e Nettuno potrebbero essere fatti di metano

Il punto centrale di questa nuova teoria è Una chiara contraddizione Tra i primi “mattoni” dei pianeti – simili alle comete di oggi Ricco di carbonio -E il Una grande quantità di acqua In precedenza si presumeva glaciale. Le simulazioni di Malamud indicano che durante la formazione di Urano e Nettuno potrebbero essersi verificate reazioni chimiche tra idrogeno e carbonio Promuovere la formazione di metano Invece delle vaste distese d’acqua ghiacciata, come si pensava in precedenza.

READ  Nelle foto, nelle foto. Le incredibili tempeste che hanno colpito il sud-ovest e il nord del Paese

Per raggiungere queste conclusioni, il gruppo di ricerca ha sviluppato centinaia di migliaia di modelli, adattando le formulazioni per riflettere meglio le misurazioni fisiche dei pianeti. Questi nuovi modelli mostrano il potenziale per la formazione di metano Fino al 10% della massa totale Pianeti. In questo modo può formare uno strato intermedio spesso e inaspettato. I risultati di questa revisione, pubblicati sul server arXiv, attendono ancora di essere confermati da altri scienziati e potrebbero essere determinati Future missioni spaziali Verso questi misteriosi giganti di ghiaccio.

fonte : arxiv

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *