Dendias: “La Turchia è ancora illegale”

“Speriamo che un giorno la Turchia adotti il ​​diritto internazionale, smetta di promuovere un’agenda ottomana nuova e revisionista e smetta di realizzare sogni destabilizzanti”, ha detto il ministro degli Esteri greco Nikos Dendias durante un incontro con il suo omologo cipriota Lovolis. (Il Ministro degli Affari Esteri)

Ieri il ministro degli Esteri ha fatto una visita multisimbolica Nikos Dendias in un CiproIn ricordo della proclamazione del falso stato nei territori occupati dell’isola. Il ministro degli Esteri ha osservato che la dichiarazione era stata condannata a suo tempo dal Consiglio di sicurezza dell’Onu, ma fino ad oggi” tacchino È ancora illegale.” Il signor Dendias ha fatto riferimento al tentativo di stabilire nuove esecuzioni a Famagosta e alle azioni illegali in Zona economica esclusiva cipriota, ma anche nello sfruttamento della migrazione.

Il ministro degli Esteri greco e il suo omologo cipriota Nikos ChristodoulidesAll’ultima riunione del Consiglio Affari Esteri dell’Unione Europea, ha sottolineato la necessità di non lasciare senza risposta la delinquenza turca. Come è noto, le decisioni dell’Alto Rappresentante sono state deferite al Consiglio di dicembre. Da Nicosia, Dendias ha osservato che non c’è “il minimo atteggiamento punitivo nei confronti della società turca”, ma al contrario, “speriamo che un giorno la Turchia adotti il ​​diritto internazionale, smetta di promuovere una nuova agenda ottomana rivista e lo fermi fare sogni destabilizzanti”.

Il ministro degli Esteri ha fatto riferimento al tentativo di eseguire nuove esecuzioni a Famagosta e di utilizzare l’immigrazione come strumento.

Conferenza

Mentre si trovava a Nicosia, il signor Dendias ha anche partecipato alla conferenza dell’Economist, dove ha notato che la Grecia e Cipro, sebbene non siano paesi importanti o regolatori degli sviluppi internazionali, desiderano il rispetto e la promozione del diritto internazionale e del diritto internazionale. Per una migliore società delle nazioni e una migliore società dei popoli.

READ  Grecia, Francia, Italia e Cipro rafforzano l'"Alleanza Mediterranea"

Il ministro degli Esteri ha fatto riferimento agli esempi che dimostrano che la Grecia si sta muovendo nella direzione del diritto internazionale ma anche nel consolidamento della stabilità nella regione, rifiutando la dialettica hobbesiana, ha detto. Ha fatto riferimento, in particolare, all’accordo sulla delimitazione della zona economica esclusiva con l’Italia e l’Egitto, all’accordo preliminare per deferire all’Aia il conflitto con l’Albania, ma anche agli accordi di difesa con la Francia e gli Emirati Arabi Uniti, che , ha detto, ha sottolineato l’inclusione di un espresso riferimento nella Carta delle Nazioni Unite. Ha anche fatto riferimento ai piani di cooperazione tripartita e multilaterale incentrati su Grecia e Repubblica di Cipro, e all’imminente cooperazione quadripartita con Egitto e Francia ad Atene, ma anche sui loro obiettivi. “Queste forme non sono forme con un’agenda ristretta, ma con un’agenda molto ampia. Sono chiamate a confrontarsi con sfide comuni: la pandemia e il cambiamento climatico. Mirano a rafforzare la cooperazione e l’interdipendenza in settori come l’energia, i trasporti e le aree necessarie per la crescita economica. E sempre con un denominatore e un fattore costante: il rispetto dei principi del diritto internazionale”.

Parlando ad Ankara, ha osservato che queste personalità “non sono destinate ad essere circondate”, ma sono aperte a tutti, purché non violino il diritto internazionale. Il sig. Dendias ha ribadito che l’adesione dell’Occidente è una priorità per la Grecia. I Balcani sono nell’Ue, ma, ha detto, “forse un giorno nel futuro, se la comunità turca sceglierà, e la Turchia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *