Il direttore della Banca centrale protesta contro la politica economica di Fidesz – EURACTIV.com

« Il disaccordo onesto è spesso un segno di progresso Con questa citazione del Mahatma Gandhi, György Matulci, Governatore della Banca Nazionale Ungherese, ha concluso il suo ultimo articolo in nazione ungherese, giornale vicino al governo. Il suo articolo descrive in dettaglio i gravi rischi associati alle conseguenze della gestione della crisi da parte del governo, riporta Telex.

Secondo Matulsi, mentre la crescita economica è tornata relativamente rapidamente ai livelli pre-crisi, questa tendenza positiva è stata accompagnata da un rapido aumento del debito pubblico e dei deficit di bilancio.

Il funzionario monetario di Budapest ha scritto che il deficit di bilancio potrebbe raggiungere circa l’8% del PIL nel 2020 e nel 2021, il che metterebbe l’Ungheria al fianco di Italia e Romania, i due paesi con i disavanzi più alti dell’Unione europea, nel 2022.

Il rapporto debito pubblico/PIL sarà di circa l’80% del PIL durante il periodo di crisi e di ripresa. L’obiettivo di un disavanzo elevato fissato per il prossimo anno non preannuncia una riduzione apprezzabile del rapporto debito/PIL, quindi il sistema finanziario ungherese potrebbe essere il più vulnerabile della regione.

Matulsi ha avvertito che la combinazione di squilibri fiscali e commerciali lascerebbe ancora una volta il paese in una trappola del doppio disavanzo e sarebbe aggravata dall’aumento dell’inflazione.

Secondo Gyorgy Matulci, il recupero economico dell’Ungheria prima della crisi non era sostenibile a lungo termine, poiché consentiva una crescita elevata con miglioramenti troppo lenti della competitività e della produttività.

Pertanto, ha scritto, il governo dovrebbe rinunciare o riprogrammare”. Alcuni investimenti pubblici generatori di disavanzo e non competitivi ‘, senza citare esempi specifici. Conclude in modo un po’ sconcertante: Per ora basta, ma non tra qualche mese. »

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *