Crescita: depositi e investimenti, le due leve

Tornerà il secondo trimestre del 2022 PIL pro capite in Grecia Ai livelli del 2019, stime Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico Nel rapporto di ieri sull’economia globale (Economic Outlook). In effetti, la Grecia rappresenterebbe quindi 2,5 anni persi in termini di PIL a causa dell’epidemia, più o meno la stessa di molti altri paesi europei, come Gran Bretagna e Italia.

L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) prevede che il paese crescerà a un tasso del 3,8% quest’anno e del 5% nel 2022, rispetto alle previsioni. Sviluppo Solo lo 0,9% quest’anno e il 6,6% nel 2022, che lo ha coniato lo scorso dicembre e una previsione intermedia migliorata del 3,4% quest’anno. Il governo prevede il 3,6% per quest’anno e il 6,2% per il 2022.

Fa una grande differenza Investimenti Che dovrebbe aumentare quest’anno dell’11,5% e l’anno prossimo del 20%, grazie al suo aiuto Fondo di recupero. Tuttavia, l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico rileva nel suo rapporto che l’accelerazione degli investimenti dipenderà dal fatto che le recenti riforme stimolino gli investimenti pubblici e le società private utilizzino le risorse del fondo per la ripresa.

Un’altra potenziale fonte di crescita è l’aumento dei depositi, poiché secondo i dati OCSE, la Grecia ha raggiunto un record, seconda solo agli Stati Uniti nel 2020. I depositi in eccesso delle sue famiglie nel 2020 rappresentavano il 7,2% del suo PIL e il 10% del settore privato . Ciò si confronta rispettivamente con il 9,9% del PIL e il 14,6% dei consumi privati ​​negli Stati Uniti. Tuttavia, l’OCSE rileva che l’impatto di maggiori depositi sulla crescita potrebbe essere limitato, poiché la tendenza al consumo di ricchezza, compresi i depositi, non è molto elevata, soprattutto per i redditi più elevati, come quelli principalmente risparmiati nel 2020.

READ  La Unique Piece Gallery, a Parigi, è un posto dove farne uno

La forza trainante della crescita è, ovviamente, il turismo, che l’OCSE prevede di recuperare la metà delle sue perdite quest’anno.

L’OCSE si sta anche unendo al Fondo monetario internazionale nel suonare il campanello bancario, sostenendo che i fallimenti e i crediti inesigibili dovrebbero aumentare con il ritiro delle misure di sostegno, rendendo imperativo il miglioramento delle attività delle banche. Afferma che, oltre all’estensione di “Hercules”, saranno necessarie ulteriori misure per affrontare la questione delle imposte differite e dei crediti inesigibili.

Il disavanzo delle amministrazioni pubbliche dovrebbe essere il 10,1% del PIL quest’anno, il 3,7% del PIL nel 2022 e il debito è il 201,1% del PIL quest’anno e il 191,6% del PIL nel 2022.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *