Coronavirus, Ricciardi: “Serve un vero e proprio blocco” – Cronaca

Roma, 26 ottobre 2020 – “Il pacchetto di misure è un passo avanti, ma a mio avviso non sufficiente per far fronte alla circolazione del virus allo stato attuale”. E ‘quello che ha detto Walter oggi, ai microfoni di’ Omnibus ‘su La7 Ricciardi, professore ordinario di igiene all’Università Cattolica del Sacro Cuore e consigliere del Ministro della Salute. Secondo il professore, le restrizioni di nuovo Dpcm potrebbe non essere sufficiente per contenere l’epidemia di coronavirus. E ha spiegato: “Le misure devono essere prese in un modo proporzionato alla circolazione del virus, che in questo momento In alcune regioni dal paese si diffonde, è incontrollato: quando abbiamo un file indice di contagio di 2.5 ciò significa che la trasmissione del virus è esponenziale e che sono quindi necessarie misure più aggressive su tutti i fronti. Poi, intervenendo oggi durante il webinar “Beyond the Emergency”, svoltosi oggi in modalità virtuale a Veronafiere, ha aggiunto: “La via da seguire è quella delineata da un ricerca diUniversità di Edimburgo, pubblicato su Lancet la scorsa settimana: è necessario un altro confinamento“L’assemblea di blocco e altre procedure elencate” in otto giorni si stabilizzerebbero e poi abbasserebbe drasticamente la curva di contagio – ha proseguito -. Affidarsi il più possibile alla responsabilità dei singoli cittadini porterebbe, al contrario, a una riduzione dei contagi solo del 3% ”.

Bollettino Covid del 26 ottobre, dati e tavola della giornata

Riguardo allo studio Lancet, Ricciardi ha poi riferito che “i colleghi dell’Università di Edimburgo hanno studiato le esperienze di 131 paesi negli ultimi mesi” e sono arrivati ​​a dire che “quando la circolazione del virus è la dimensione che è, ad esempio, in questo momento in Italia, Francia e Spagna, l’unica cosa necessaria per rallentare questo indice di contagio è un confinamento”. Certo, “non devi farlo generalizzato – ha sottolineato Ricciardi – ma dove ilil tasso di contagio è alto perché rallenta del 24%; se lo abbini a una chiusura scolastica mirata, aumenti quella dimensione del 15% e se fai smart work obbligatorio per il settore pubblico e privato, aumenti di nuovo del 13%, quindi finisci con una riduzione del 55%. La limitazione del trasporto pubblico rappresenta un ulteriore 7% e questi effetti sono visibili dopo 8 giorni “.

READ  autocertificazione per trasferirsi, in Campania servirà anche per spostarsi tra province

“Quindi – ha concluso il consulente del ministro della Salute – se avessimo adottato in quel momento, e avremmo dovuto farlo due settimane fa, tutti questi provvedimenti, avremmo potuto farlo a Milano, Napoli, Roma e alcune regioni”. Piemonte e Liguria, per dimezzare questo indice di contagio. L’indice 2.5 significa che ogni persona contagia altri due anni e mezzo e così via, abbiamo un raddoppio dei casi ogni due o tre giorni, già insopportabile per i servizi sanitari di queste regioni del Paese, e ancor meno in una settimana o dieci giorni se questo indice non viene rallentato ”.

Covid, l’immunologo: “Non continuare a bloccarti, capisci dove si sta verificando l’infezione”

CHI: “Le misure riducono le opportunità di incontro”

SecondoCHI le misure prese dall’Italia servono a “ridurre la diffusione del virus“A dirlo, alla domanda in materia, è Maria Van Kerkhove, capo del team tecnico del Covid-19”. Misure attuate riducono le opportunità di incontro “, ha detto Van Kerkhove alla conferenza stampa dell’Organizzazione mondiale della sanità”. Ma spetta all’individuo prendere quelle decisioni su come metterci insieme. Al ristorante, al bar oa casa. O a casa di qualcun altro. Penso che dobbiamo assicurarci che il modo in cui continuiamo a socializzare, qualunque cosa possiamo fare, riduca il rischio: quindi socializza in ambienti molto stretti, evitare grandi cerchi“. Van Kerkhove osserva che “molti paesi limitano il numero di persone che partecipano a questi incontri. Fai quello che puoi, quando puoi, per ridurre al minimo le opportunità di stare insieme. Soprattutto in condizioni di ventilazione ridotta. Ridurre al minimo queste opportunità, poiché sono qui che il virus può diffondersi. “

READ  Chiariello: "Pensavamo tutti che lo spirito di Maradona fosse presente a Napoli stasera"

More from Teodosio Lettiere

“70.000 agenti pronti, sarà un Natale di sacrifici”

Circa 70.000 agenti saranno impegnati a controllare le vacanze di Natale. “Ci...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *