“Le altre patologie non sono state escluse” – Corriere.it

“Le altre patologie non sono finite in blocco. Troppi screening e trattamenti vengono posticipati per terapie che, come i tumori, non consentono pause e sospensioni ”. il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella parlando al Quirinale durante la cerimonia di celebrazione delle “Giornate della ricerca”, ha messo in guardia sacrificare tutte le altre malattie a Covid 19. Sono parole forti e autorevoli che suonano come un forte richiamo in giorni di controversia. “Covid sarà sconfitto dalla ricerca di terapie sempre più efficaci, basate sul vaccino. Ovviamente dovremo aiutarlo e aiutarci a vicenda con l’efficienza dell’organizzazione sanitaria, prevenzione e precauzione, solidarietà con chi ha bisogno di cureCon fermo fermo: “No a comportamenti irresponsabili”.

“Per il gioco di squadra Covid”

Il Capo dello Stato lancia un nuovo appello al senso di responsabilità collettiva istituzioni per sconfiggere l’epidemia di covid-19. “Team e laboratori in tutto il mondo sono al lavoro nella ricerca del vaccino e nella cura del Coronavirus. È un gioco di squadra ed in questa emergenza è bene che le squadre dialoghino e si scambino i propri studi. ESTtempo di collaborazione e alleanze, niente egoismo. Competenze e conoscenze devono essere condivise. Siamo fiduciosi perché crediamo di poter contare su obiettivi comuni. La paura, comprensibile, può spingerti ad avvicinarti a te stesso. Ma sappiamo che al contrario, è solo rafforzando l’impegno comune che la sicurezza di tutti sarà maggiore garantita “.

“Troppi ritardi nella ricerca”

Il Presidente della Repubblica ha centrato una chiave che è sempre stata dolorosa per il nostro Paese: “Paghiamo i ritardi e le carenze della ricerca che ha spinto molti ricercatori italiani ad andare all’estero. Ma abbiamo molti punti di forza umani. In oncologia, l’Italia è l’eccellenza mondiale. Dobbiamo investire ancora di più nella ricerca per espandere le strutture. La ricerca vincerà la pandemiaMattarella aggiunge: “La ricerca è associata al termine responsabilità, il cui valore oggi apprezziamo molto. La società della comunicazione, immediata e globale, fornisce conoscenze prima inaccessibili, ma a volte può anche creare confusione e alcuni finiscono nel tunnel delle fake news, delle voci, del desiderio perverso di ingannare attraverso la disinformazione. Questo sta accadendo anche nel mezzo di questa tragica pandemia: si sentono voci che portano a comportamenti irresponsabili e spingono chi vuole sottrarsi alle responsabilità collettive ”.

READ  Una giornata ricca di gol in Italia

26 ottobre 2020 (modifica il 26 ottobre 2020 | 12:13)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *