Con Wilma, andare in bicicletta è diventato più facile grazie ai tuoi pantaloncini mestruali

Céline Champonnet è la fondatrice di Wilma, un marchio di abbigliamento da ciclismo Disegnato da donne. A marzo 2022 ha lanciato una nuova innovazione: i pantaloncini mestruali per permettere alle donne di pedalare liberamente anche durante il ciclo. Conosci la fondatrice dietro le quinte del Tour de France femminile con Zwift.

sportivo : Su che cosa si basava il desiderio di pubblicare i pantaloncini per le mestruazioni?

Céline Champagne : L’idea era proprio quella di soddisfare i primi bisogni fisiologici di una donna in modo che potesse cavalcare durante il periodo mestruale. Quando vai in bicicletta, non indossare biancheria intima sotto i pantaloncini. Quindi è molto complicato per le donne durante le mestruazioni. Ciò causa vari problemi. Le donne sono costrette a mettere tamponi o coppette che non sono adatti al ciclismo e dopo un po’ fa male. È un dolore che deve essere gestito in aggiunta a quella pratica.

C’è anche il peso mentale. Se guidi per più di un’ora, dovresti portare con te una protezione extra e anticipare quando tracciare la tua mappa o sarai in grado di andare a cambiarti con privacy e pulizia minime. C’è anche un problema per le ragazze che non usano tamponi o coppette e quindi non possono fare esercizio durante il ciclo mestruale. C’è anche una dimensione ambientale nell’evitare l’uso di prodotti usa e getta.

Leggi anche: Tour de France Women with Zwift: i fan supportano un nuovo format

Questo è il tuo unico prodotto?

No, abbiamo lanciato il marchio Wilma A dicembre 2020 in preordine con i prodotti che compongono il guardaroba classico del ciclismo con pantaloncini, magliette, giacche a vento, calze, ecc. Abbiamo avviato l’azienda in questo modo perché eravamo nel mezzo del covid e di ogni R&D (Nota dell’editore, ricerca e sviluppo). Ma volevo comunque lanciare il marchio. Ho lavorato con ingegneri tessili in parallelo per lanciare questi pantaloni mensili.

READ  Le 6 cose da sapere sulla 104a edizione del Giro d'Italia

Puoi dirci di più su cosa si basa questa innovazione?

L’innovazione sta proprio nel fondello: il fondello all’interno dei pantaloncini. Le specifiche fornite agli ingegneri erano molto accurate. Volevamo che fosse un designer ambientale. È prodotto in Italia ed è biodegradabile al 90%. E poi, i pantaloncini dovevano assumere le stesse proprietà delle mutandine mestruali e allontanare il sudore. Con questi pantaloncini, puoi pedalare per un massimo di sei ore nei giorni più impegnativi. Era inoltre necessario che la forma del cuscino si adattasse ai punti di appoggio femminili. C’è una cavità a livello delle labbra in modo che non si verifichino pizzicamenti, lo stesso a livello del clitoride in modo che non si comprima e metta a dormire la zona. Non ci sono cuciture sul cuscino per evitare sfregamenti. Ci abbiamo lavorato molto

I pantaloncini per le mestruazioni sono progettati per adattarsi a tutti i tipi di corpo.

I tagli ei materiali sono diversi dai prodotti già in commercio?

sì. I pantaloni senza spalline sono stati sviluppati per adattarsi a tutti i tipi di corporatura. Non ci sono cuciture dritte. Sono tutti leggermente curvi per adattarsi al bacino femminile. Spesso, nella parte inferiore dei nostri pantaloncini, spesso ci comprimiamo perché le donne hanno più grasso nelle gambe rispetto agli uomini. Quindi abbiamo lavorato sul taglio per evitare questo effetto di stress. Vogliamo davvero rimuovere tutti gli ostacoli alla pratica.

Abbiamo lavorato anche su argomenti tecnici. Ci affidiamo a produttori di abbigliamento sportivo che realizzano materiali utilizzati da altri marchi sportivi. C’è anche un lavoro sui tagli, che si adattano alle forme femminili. Passiamo dalla XS alla XXXL. Una volta superata la taglia L, le forme variano. Questo è ciò su cui lavoreremo. Cerchiamo di trovare materiali francesi o europei e sono sempre di alta qualità. La produzione avviene in Francia, Italia o Spagna.

READ  Euro 2020 - Campioni d'Europa, l'Italia diventa esperta di rinascite

⏩ Leggi anche: Aurore Macon: “Il Tour des Zélé es è pensato per essere accessibile a tutti”

Qual è il tuo rapporto con il ciclismo?

Sono un giovane ciclista nel mondo del ciclismo. Pratico da circa tre anni. Ma conosco il mondo del ciclismo da molto tempo perché mio marito pratica questo sport da diversi anni. Mi ci è voluto molto tempo per entrarci. È un mondo molto maschile e molto orientato alla competizione. Come donna, è molto difficile creare un posto per te stessa, ma alla fine è riuscito a convincermi. Immediatamente è sorta la questione dell’attrezzatura perché non ho trovato alcun prodotto. Mi sono rifornito poco nel reparto maschile. E così è nata l’idea del marchio. Ho visto evolversi il numero di praticanti e volevo davvero aiutare le donne a sentirsi più libere di iniziare a pedalare. Per chi pratica attrezzarsi adeguatamente.

Qual è la prossima sfida?

Vogliamo davvero far conoscere questo mondo. Sappiamo che altri marchi, che hanno più risorse di noi, possono cercare di adattarsi a questo tema. Ma anche per lanciare altre novità di cui non posso ancora parlare perché potremo depositare un brevetto.

Intervista di Claire Smag

Credito immagine: Claire Smaghi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.