Giro in Italia | Il COVID-19 è tornato a perseguitare il gruppo

Giro in Italia |  Il COVID-19 è tornato a perseguitare il gruppo

(Parigi) A due giorni dall’inizio del Giro d’Italia, il COVID-19 è tornato a perseguitare il gruppo con diversi corridori risultati positivi e costretti al forfait, in particolare all’interno della squadra di Primoz Roglic, uno dei due favoriti del Giro, particolarmente colpito .


Giovedì la formazione Jumbo-Visma ha annunciato un terzo caso positivo insieme a Jos van Emden. L’olandese era uno dei corridori con Rohan Dennis convocati proprio il giorno prima per sopperire all’assenza di Robert Gesink e Tobias Vos, già colpiti dal virus.

Sarà sostituito a sua volta da Sam Omen, ma è un nuovo colpo per Roglic, che è stato privato di molti suoi assistenti e non si avvicina al Giro nelle migliori condizioni.

“Ovviamente non è perfetto. Ma lo faremo e troveremo delle soluzioni”, ha commentato il leader sloveno, che attendeva con ansia strade italiane come il belga Remco Evenepoel (Soudal-Quick Step).

“Faremo tutto il possibile per rimanere in salute e superare queste tre settimane. Ci vuole anche un po’ di fortuna”.

“presta più attenzione”

“È sempre spaventoso vedere così tanti corridori in disparte a causa di malattie, soprattutto COVID-19, e Remco Evenepoel ha reagito, da parte sua. Penso che faremo come nell’ultima Vuelta, indossare maschere, essere più attenti, e lavarci spesso le mani per prevenire la diffusione del virus».

“La perdita di così tanti corridori nel gruppo dovrebbe essere un messaggio per tutti, dobbiamo stare tutti attenti, il virus è ancora lì. Questo vale per corridori, direttori sportivi o giornalisti. Indossa una maschera quando ti vedo sabato, ”ha sviluppato il belga durante una videoconferenza stampa, che è diventata un’abitudine per tutte le squadre dall’inizio della pandemia.

READ  Squadre italiane per la prossima stagione - Informazioni sportive - Pattinaggio

Contattato dall’AFP, un portavoce degli organizzatori di Rcs ha affermato che “non esiste al momento un protocollo particolare per il Giro”.

Jumbo-Visma non è l’unica squadra colpita. Giovedì, la nazionale del Bahrain ha annunciato un accordo per uno dei suoi capitani, lo svizzero Gino Mader, che ha dovuto arrendersi a malincuore. La stessa avventura gli è capitata prima dell’ultimo Tour de France.

Bardet anche “covided”

Giro in Italia |  Il COVID-19 è tornato a perseguitare il gruppo

FOTO JEAN-CHRISTOPHE BOT, archivi stampa collegati

Romano Bardet

Come Robert Gesink e Tobias Voss, Mader ha gareggiato la scorsa settimana al Tour de Romandie. Settimo nella classifica generale in Svizzera, anche il francese Romain Bardet, che non aveva intenzione di correre il Giro, è un “covidi”, come ha sottolineato sul suo Instagram.

Due giorni prima dell’inizio del Giro, corridori come l’italiano Damiano Caruso e il francese Thibaut Pinot, presenti in Romandia, sperano di sopravvivere al virus.

Dopo aver seriamente interrotto il progresso delle corse dall’inizio della pandemia nel 2020 prima di tornare relativamente alla normalità, il COVID-19 sembra aver visto una rinascita nelle ultime settimane nel gruppo.

A fine aprile, dopo la Liegi-Bastogne-Liegi, sono risultati positivi anche Warren Barguil e Giulio Ciccone. Se il francese fosse stato recuperato da Arkea-Samsic e avesse confermato la sua partecipazione al Giro, l’italiano avrebbe capitolato.

“Il mio cuore è spezzato, ma devo ascoltare il mio corpo”, ha detto l’alpinista di Trek Segafredo.

Tuttavia, il britannico Geraint Thomas, vincitore del Tour de France 2018 e uno degli outsider di questo Giro, non voleva essere una preoccupazione giovedì.

“Non sono particolarmente preoccupato. È così da qualche anno ormai. Nella squadra siamo molto attenti, ma non possiamo controllare tutto. È così, è la vita”, ha detto il leader di Ineos.

READ  Cera uguale per tutti - info sport - sci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *