Comprendere la ricerca dei vincitori del 2023

Comprendere la ricerca dei vincitori del 2023
Palloni da laboratorio utilizzati per dimostrare i punti quantici durante l'annuncio dei vincitori del Premio Nobel per la Chimica, 4 ottobre 2023.

La Settimana Nobel inizia ogni anno con tre premi scientifici che premiano le innovazioni decisive nel campo della medicina, della fisica e della chimica. Questa ricerca all’avanguardia, spesso complessa da comprendere, è fondamentale per lo sviluppo di alcune tecnologie o usi attuali o futuri.

Premio Nobel per la medicina: rendere possibili i vaccini a mRNA

Lunedì 2 ottobre l’ungherese Katalin Karikou e l’americano Drew Wiseman hanno ricevuto il premio per il loro lavoro sull’RNA messaggero all’origine dei primi vaccini che utilizzano questa tecnologia sviluppata da Pfizer-BioNTech e Moderna, molto efficace contro il Covid-19.

Leggi anche: Il materiale è riservato ai nostri abbonati Il Premio Nobel per la Medicina è stato assegnato a Katalin Carrico e Drew Weissman per il loro contributo al vaccino a RNA messaggero

Concetti basilari

A’RNA messaggero (RNA messaggero) Viene utilizzato da ciascuna delle nostre cellule per trasmettere informazioni. L’informazione genetica, il nostro DNA, rimane nel nucleo delle cellule. Per produrre le proteine ​​codificate dai nostri geni, il nostro corpo “trascrive” una sezione di DNA sotto forma di un filamento di acido ribonucleico (RNA) contenente la stessa informazione genetica. Chimicamente, un filamento di RNA è una catena di quattro tipi di molecole: adenina, uracile, citosina o guanina. Può uscire dal nucleo cellulare ed essere tradotto in proteine. La scoperta del concetto di RNA messaggero gli valse il Premio Nobel nel 1965.

IL Vaccini Funziona preparando il corpo a riconoscere ed eliminare un agente patogeno: questo può provenire da un virus indebolito o inattivato, vettori virali (un altro virus innocuo che è stato modificato per assomigliare al virus bersaglio), proteine ​​distinte del virus da elaborare o materiale genetico ( DNA). O RNA) che permette al nostro organismo di produrre queste proteine. In tutti i casi l’obiettivo è portare l’organismo del paziente a contatto con gli elementi distintivi del virus, affinché sviluppi gli anticorpi necessari in caso di futura infezione.

READ  L'arte della deduzione attraverso la lingua francese
Rileggi il decoder 2020: Come funzionano i potenziali vaccini contro il COVID-19?

Premiare l’innovazione

Nella speranza di sviluppare vaccini utilizzando l’RNA messaggero, la molecola doveva sopravvivere all’iniezione del vaccino ed essere in grado di essere tradotta in proteine.

Altri ricercatori hanno dimostrato che racchiudere l’mRNA in una capsula lipidica consente all’RNA di penetrare efficacemente nelle cellule. Ma l’RNA prodotto in laboratorio veniva immediatamente distrutto dal sistema immunitario. Test sui topi hanno dimostrato che l’attivazione dei globuli bianchi provoca infiammazione. Tuttavia, non abbiamo osservato la stessa infiammazione con l’RNA dei mammiferi.

I ricercatori Katalin Carrico e Drew Wiseman hanno tentato diverse modifiche chimiche. Notarono che una delle quattro molecole che compongono l’RNA, l’uracile, doveva essere sostituita da un’altra molecola, la pseudouridina. Il sistema immunitario quindi non riesce a rilevare l’RNA contenuto nel vaccino e il messaggero può penetrare nelle cellule per consentire la produzione delle proteine ​​caratteristiche del virus.

Ti resta il 68,6% di questo articolo da leggere. Il resto è riservato agli abbonati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *