Come Mario Draghi vuole restaurare le spiagge private italiane dell’Uomo

Come Mario Draghi vuole restaurare le spiagge private italiane dell’Uomo

È una miniera d’oro a cielo aperto, una grande fonte di risorse da cui lo Stato italiano ha sempre ricevuto solo sciocchezze. L’Italia ha più di 8000 chilometri di costa, di cui quasi 5000 spiagge che ogni estate vengono invase da milioni di turisti, e l’Italia, da diversi decenni, ha scelto di privilegiare le spiagge private.

Oggi gli operatori in franchising occupano poco meno della metà (43%) dello spazio disponibile (comprendendo quasi tutte le aree più attrattive) e il volume di attività che generano nella stagione, da maggio a settembre, è stimato in oltre 15 miliardi di euro , gran parte del quale sfugge ad ogni forma di imposta sul valore aggiunto. Entrate statali italiane? Solo 115 milioni di euro, di concessioni concesse senza gara e importi di canone poco slegati dalla realtà, a volte sfruttati per generazioni dalla stessa famiglia.

Leggi anche Spiaggia italiana realizzata dalla fabbrica chimica ‘paradiso’

Il maledetto rapporto è stato caricato mille volte, e tutti i tentativi di riforma sono falliti, a causa della natura esplosiva di questo argomento. Quale leader politico oserebbe rischiare un’azione di sciopero da parte dei bagnanti in tutto il territorio, che altro in un anno pre-elettorale? Chi affronterà questo momento sacro della vita delle famiglie italiane di una vacanza al mare?

Questo calcolo ha spinto i governi successivi a non seguire la Direttiva Europea Bolkestein, dal nome del Commissario Europeo che l’ha proposta e sostenuta, e che, dal 2006, chiede al Paese di attuare l’apertura alla concorrenza. Nonostante la mia violazione contro l’Italia, tutti hanno deciso di restare. Inoltre, la decisione di Mario Draghi di affrontare il problema ha segnato una svolta. Con decreto pubblicato il 16 febbraio il Consiglio ha annunciato che le attuali concessioni, prorogate dal governo Primo Conte (giugno 2018 – settembre 2019) fino al 2033, scadranno il 31 dicembre 2023 e che saranno aperti i bandi entro la caduta a livello comunale con modalità da determinarsi nel corso di sei mesi.

READ  Misure restrittive in Italia - Roma esclude dagli spazi pubblici le persone non vaccinate

Ostilità agli standard imposti da Bruxelles

Questa è una riforma che l’Europa chiede da quindici anni e nessuno ha voluto attuarla. Mario Draghi non vuole candidarsi, non è candidato a nulla, quindi ha deciso di occuparsi della questione”., riassume uno dei suoi consiglieri. Questa dichiarazione non mancò di provocare una forte resistenza tra tutte le forze politiche, che hanno tutte funzionari direttamente o indirettamente collegati a questa prosperità e poco organizzata attività.

Hai ancora il 61,47% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *