Chiesa alla Juventus ha realizzato il sogno incompiuto di suo padre | Prima pagina

Almeno due volte l’anno li incontro al “Pozzo di bugia” che è un ristorante gourmet vicino Forte dei Marmi. Papà e figlio a tavola un po ‘in disparte. È stato un incontro che abbiamo apprezzato entrambi. Di Enrico Chiesa, per anni sono stato un grande ammiratore. Da quel giorno, esperto conoscitore di giovani talenti, il mitico Borea, l’aveva scoperto su un terreno di Pontedecimo e lo portò a Sampdoria che all’epoca era una chicca della squadra in cui giocavano Vialli e Mancini sotto la direzione di un autentico maestro come Vujadin Boskov. Ed è stato davvero Mancini fare da gallina per il giovane attaccante che poi è decollato per navigare nei cieli del calcio importante.

Durante il suo viaggio, punteggiato anche da sfortuna nera come la rottura del legamento, trovò case prestigiose come il Fiorentina, il Parma e il Lazio. Ma non è mai riuscito a scivolare dove avrebbe preferito più di tutti gli altri. “La mia carriera è stata brillante e gratificante. Certamente ho faticato, ma mi sono sbarazzato di molte voglie professionali. Come uomo, mi sento soddisfatto ea mio agio. Ho una bellissima famiglia e due gioielli per bambini. Ho solo un rimpianto e quando ci penso non posso fare a meno di diventare un po ‘malinconico. Quella di aver viaggiato a calcio in Italia da lontano, ma non sono mai riuscito a indossare la maglia bianconera della Juventus che è sempre stata il mio punto di riferimento. Quasi tutti nella vita possono dire che ha un affare in sospeso nel cassetto. Il mio è questo ”. Così mi ha detto Enrico Chiesa davanti alla tazza di caffè che chiudeva la cena.

READ  "Grande rimpianto, troppa ingenuità commessa. Modifiche discusse? Te lo spiego"

Davanti a lui il figlio Federico. Era un ragazzino e anche fisicamente era una fotocopia del genitore. Gentile, educato e persino timido, osservava suo padre mostrare orgoglio e ammirazione. Ho sentito che era bravo, ho risposto, e forse con un po ‘di fortuna potrebbe tornare sui tuoi passi da campione e realizza quel sogno che ti manca nella tua collezione. Un fulmine balenò negli occhi del ragazzo, poi la voce di padre Enrico riportò tutti con i piedi ben saldi a terra. “Calmati, non corriamo con l’immaginazione. Il compito di Federico oggi è essere un bravo ragazzo e studiare. Poi se il suo futuro sarà nel mondo del calcio, vedremo. Dovranno dirlo gli altri e certamente non io. In ogni caso, se così fosse, l’unico suggerimento che darei è di divertirmi e non smettere mai di farlo ”. Parole sagge dietro le quali, però, si poteva intuire che anche il padre sarebbe stato felice se il figlio, un giorno, avesse chiuso il cerchio che aveva lasciato aperto.

Questo giorno è arrivato, ma con un certo ritardo. Federico Chiesa è un giocatore della Juventus. L’uomo che, a mio avviso, mancava alla squadra bianconera per dare finalmente un senso di completezza ad un attacco che nemmeno con il ritorno dello spagnolo Morata potrebbe soddisfare le esigenze di Andrea Pirlo oltre ai legittimi desideri di Ronaldo a cui mancava una spalla autentica. Il pedigree di Federico Chiesa non è ancora così nobile come quello dei suoi genitori quanto sono simili ma anche diversi i loro modi di essere in campo e di vivere il gioco. Eppure, a parte la vecchia regola che il buon sangue non mente, è possibile essere ottimisti e fiduciosi su ciò che questo figlio d’arte potrà ottenere indossando la maglia della Juventus. Per il momento una cosa è già stata fatta. Metti la sua firma sotto gli affari in sospeso di papà.

READ  Sparta Praga contro il Milan. Tanti ex "italiani" e un 18enne a seguire

More from Teodosio Lettiere

Harry e Meghan pronti a girare un reality show su Netflix?

Secondo una rivelazione sensazionale di “The Sun”, i duchi di Sussex Harry...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *