Chiave Abramo. “Il mio messaggio è politico” – Quimper



Impossibile per un uomo della Cornovaglia non conoscere Clet Abraham. Tutti hanno visto e spesso apprezzato la segnaletica stradale sublimata dall’artista con delicatezza. Per una dozzina di anni il capista, figlio dello scrittore Jean-Pierre Abraham, ha moltiplicato gli interventi in strada, nonostante i molteplici procedimenti penali. Questo sabato è stato invitato alla libreria Ravy per presentare il suo libro “Le Code de la route”. Rievoca i principi che guidano il suo lavoro: non danneggiare mai i pannelli (si trasformano con adesivi) e non impedire mai la lettura del messaggio originale. Al contrario, con l’umorismo l’artista attira lo sguardo complice del passante per dare più senso al messaggio della tavola. “L’artista ha un ruolo da svolgere nella società, senza un filtro statale o commerciale”, afferma.

10.000 pannelli dirottati?

“In 12 anni, ho lavorato su forse 10.000 segnali stradali dal Giappone, dagli Stati Uniti all’Europa. Alcuni non rimangono al loro posto a lungo, su altri gli adesivi vengono rimossi, a volte rimangono al loro posto per anni”, spiega. La notorietà di Clet Abraham va oltre i confini. Al punto che alcuni pannelli possono essere rubati da dilettanti? “Non firmo cartelli per strada”, dice. E se scopro che ne troviamo alcuni in un punto vendita, li faccio togliere”. Per vivere della sua arte, il designer ha un negozio a Firenze, in Italia, dove impiega tre persone. Lì vende pannelli, ma in una versione più lucida e questa volta firmata.

“Il mio lavoro è costruttivo”

Clet Abraham, 55 anni, è un designer radicale a modo suo. “Il mio messaggio è ovviamente politico”, ha detto. Il cartello stradale è il simbolo dell’autorità che dà ordini. Potremmo essere affrontati in un modo meno sciocco. Il mio lavoro è costruttivo. Penso che i segni siano più efficaci nel loro messaggio con il mio lavoro che senza. Spetta alle autorità dimostrare che non è così”.

READ  Italia-Olanda 1-1 LIVE: Van de Beek pareggia, Luuk de Jong divora il vantaggio 2-1 | Prima pagina
Alcuni funzionari eletti apprezzano il lavoro di Clet Abraham. Nel 2016 incontra Benoît Lauriou, sindaco di Pont-Croix (a sinistra nella foto), per una collaborazione. (Foto d’archivio.)

Diversi comuni hanno inoltre invitato l’artista a lavorare liberamente per strada. È stato persino invitato dalla prefettura di Parigi per una giornata sulla sicurezza stradale nelle scuole. “La mia partecipazione è stata semplicemente quella di presentare il mio lavoro. L’idea era che gli studenti poi cercassero il mio lavoro per strada e quindi si interessassero alla segnaletica”, spiega nel suo libro “Il codice della strada”.

Clet Abraham dirotta regolarmente i segnali stradali.  Qui, il suo ultimo lavoro, boulevard Richepin, a Douarnenez.
Una creazione recente di Clet Abraham, boulevard Richepin, a Douarnenez. I funzionari eletti sono meno ricettivi all’arte di strada. (Il Telegramma / Dimitri L’ore)

In conflitto con Douarnenez

Proprio le autorità non sempre apprezzano i diversivi umoristici. Numerosi procedimenti sono stati avviati in diversi paesi contro queste appropriazioni indebite. Lo scorso dicembre è stato il servizio stradale dell’agglomerato di Douarnenez a sporgere denuncia per degrado. “Sono andato in tribunale due volte. Il pm ha proposto una sanzione di 200 euro e il restauro dei pannelli. Ho rifiutato perché dire che il mio lavoro è degradante per me è un insulto. Ho sostenuto che il mio lavoro è stato costruttivo in termini di sicurezza stradale”. Clet Abraham sarà quindi processato alla corte di Quimper il 12 dicembre. È probabile che il dialogo sia frizzante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.