Calcio: Alla scoperta del portiere italiano Vincenzo Cozzella, ex Montpellier e nuovo Nimes

Calcio: Alla scoperta del portiere italiano Vincenzo Cozzella, ex Montpellier e nuovo Nimes

La Nazionale / Giorno 21 / Prima di Chateauroux – La, venerdì 16 febbraio alle 19:30 Avvistato da Montpellier Nel 2018, l'italiano Vincenzo Cozzella ha appena firmato con il Nimes. Ritratto di un portiere di 22 anni con potenziale.

Ci sono meno di 50 chilometri tra i centri di allenamento del Gramont e della Bastide, ma ci sono voluti duemiladue anni e mezzo prima che Vincenzo Cozzella si trasferisse dal Montpellier-Hérault al Nimes Olympique. Con qualche deviazione: passando per l'Italia, il suo paese d'origine, AJ Auxerre, e anche per la Repubblica Ceca! La storia e il percorso straordinari di un giovane portiere d'Oltralpe che non era destinato a scegliere la Francia.

“È raro in Italia, ma i miei genitori non erano molto interessati al calcio. C'era solo mio nonno che giocava da dilettante… e io non parlavo francese quando sono arrivato a Montpellier”, spiega il giovane che ha ho appena compiuto 22 anni. Il 21 dicembre.

Il portiere, alto 1,90 me pesa 86 kg, è nato il 21 dicembre 2001 in Puglia, Italia.
Midi gratuito – Mikael Anicet

Nasce nel 2001 a Bitonto, in Puglia, il tacco dello stivale. Ha iniziato a giocare a calcio lì all'età di sei anni al Bella Vista FC. “Come tanti bambini, volevo fare gol, ero un attaccante. Poi, quando avevo otto anni, durante un torneo, ho visto un portiere seduto a terra durante una partita. Questo mi ha fatto venire voglia di provarci, perché Non mi piaceva davvero correre, e ancora non mi piace il cardio”, sorride.

Complimenti a lui: come ultima difesa, si è fatto notare e si è unito al Matera e poi al Pescara, facendo il salto tra Serie A e B (L1 e L2). Vincenzo Cozzella aveva 16 anni e mezzo quando ricevette una telefonata da Montpellier. Tramite un francese residente in Puglia e un dipendente della Federcalcio italiana, che ha segnalato il fatto all'agente dei calciatori che collabora con la Mhsc.

Con MHSC, rallentato dal Covid e trauma cranico contro…no

Il resto è Julien Guibert, responsabile della formazione dei portieri dell'Hérault, che dice: “Abbiamo cercato perché avevamo una lacuna nella generazione 2001. Vincenzo è venuto con noi per una settimana di prova, ma può svolgere solo un compito”. Una seduta particolare perché era stato convocato dalla sua federazione per un torneo internazionale che riuniva la migliore squadra under 17 dei club di seconda divisione. Di quello che vidi lo raccontai a Henri Stamboli (all'epoca direttore tecnico della carica) e a Bruno Martini ( il preparatore dei portieri): “Dobbiamo prenderlo”. Subito”. “In alcuni settori ha dimostrato di essere un portiere di alto livello”.

Julien Guibert viene ascoltato e Kozela firma un contratto di formazione professionale di 3 anni. Fate il grande passo e le Alpi. “I miei genitori pensavano che fosse un po’ strano per me andare in Francia – ‘Sei sicuro di volerci andare?’ – ma hanno capito”.

Tirocinio pratico negli Stati Uniti con Savanier, DeLoret, Hilton…

Dopo un'ottima prima stagione con Gilles Chautard (vice campione francese U19, semifinalista del Gambardella, finalista 8° Youth League, Youth Champions League), le due stagioni successive sarebbero state interrotte a causa del Covid e di due colpi alla testa durante la partita, dopo gli urti. Di cui uno contro… il Nimes, nel campionato nazionale U-19.

Nonostante la preparazione estiva negli Stati Uniti con Savanier, Delort, Hilton e altri, il contratto da professionista è volato via, con grande sgomento del portiere di ottime dimensioni (1,90 m, 86 kg), Julien Guibert.

“È un peccato non essere andato oltre con lui. Ha le qualità di esplosività, forza, leadership e carattere… Ho grande fiducia in lui. Quando MHSC gli ha detto che non avrebbero ingaggiato un giocatore non professionista, era molto deluso.” Ha deciso di tornare in Italia, anche se il suo agente aveva tanti contatti”.

Julien Guibert, Angelo custode e Tour de France

Gubio (Serie C, equivalente nazionale) rinuncia all'ingaggio professionistico perché devono essere pagate le indennità di formazione. Si è ripreso a Casale (N2), da dilettante. Ma il cuore non c'è. Gebert interpreterà prossimamente gli angeli custodi. Attiva i suoi contatti in Francia.

Pertanto, “sono partito da solo in macchina, all'inizio del 2022, ho attraversato l'Italia e la Francia per sostenere i test che Julien aveva trovato. Ho fatto alcuni test all'OL, dove sarei rimasto, a Dunkerque, Rodez e Auxerre, dove Ho firmato professionalmente”, ammette Kozzella. N. 3 della gerarchia, siede in panchina in Ligue 1, contro il Nantes, nell'aprile 2023. Ma l'AJA scende in L2 e non può trattenere 4 portieri professionisti. È l’unico a fine contratto: non viene mantenuto.

Ritorno in Italia l'estate scorsa. Gubbio(n) lo rivuole. Il suo (ex) agente gli ha offerto un club ceco di seconda divisione. Ci va e capisce che sarà lui il numero 2. Intanto Gubbio assume l'incarico di un altro bidello…

Questo tifoso di Buffon e dell'Inter, e quindi di Handanovic, aveva parlato con Mola (N2) nei mesi scorsi quando era arrivato il Nimes. Gebert e Babikian, il preparatore dei portieri del NO, sono amici. Come Claude Barzotti: «Io sono Rita e tale rimarrò». Per Vincenzo Cozzella non sarà in Belgio ma in Francia. Per iniziare finalmente lì la sua carriera professionale.

READ  Tour alpino: Froome e Pinot ai piedi del muro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *