Borsa Italiana, commento della seduta odierna (2 ottobre 2020)

I titoli del settore bancario rimangono i protagonisti di FTSEMib: performance negativa per BPER Banca, mentre prosegue il rally di BancoBPM. Il salto di Safilo risalta

I principali indici di Borsa Italiana e dei principali mercati finanziari europei ha registrato cali frazionari nell’ultima sessione della settimana. Gli operatori riportano la notizia della positività al Covid-19 del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, e di sua moglie Melania. Stefan Scheurer – Director of Global Capital Markets and Thematic Research, per Allianz Global Investors – ha riferito che la riduzione delle misure di preclusione ha portato a maggiori timori di una seconda ondata di contagio, una possibilità che potrebbe influenzare o addirittura danneggiare la ripresa economica. “Gli sviluppi futuri dipenderanno probabilmente da come si evolverà la pandemia, ma la tendenza delle banche centrali ad attuare politiche ancora più espansive se necessario dovrebbe continuare a favorire i segmenti più rischiosi del mercato, comprese le azioni”, ha affermato ha sottolineato l’esperto. Tuttavia, Stefan Scheurer ritiene che, alla luce dell’ulteriore aumento dei casi di infezione da covid-19 e dei segni di rallentamento della crescita da molti indicatori economici, un posizionamento neutrale sulle azioni.

Alle 11:40 FTSEMib ha registrato una flessione dello 0,33% a 18.999 punti, dopo aver oscillato tra un minimo di 18.815 punti ed un massimo di 19.072 punti. Allo stesso tempo, il FTSE Italia All Share è sceso dello 0,29%. Performance negativa anche per il FTSE Italia Mid Cap (-0,05%) e per Star FTSE Italia (-0,47%).

L ‘Euro è sceso al di sotto di $ 1,175.

il diffondere Btp-Bund si è ridotto a 135 punti dopo che il rendimento dei titoli di Stato decennali italiani è sceso sotto lo 0,8%.

READ  Operaio, assegno per figlio unico e riduzione stabile del cuneo fiscale

Le azioni bancarie rimangono sotto i riflettori.

Tendenza negativa per Banca BPER (-0,56% a 1.937 euro). Consob ha dato il via alla pubblicazione del prospetto informativo relativo all’offerta e ammissione a quotazione delle azioni rivenienti dall’aumento di capitale, che prevede l’emissione di massime n. 891.398.064 azioni ordinarie di la Banca. L’operazione inizierà lunedì 5 ottobre.

Al contrario, continua il file rally BancoBPM (+ 6,31% a 1,6 euro).

Rimani sotto i riflettori Atlantia (-0,84%), dopo l’elevata volatilità registrata nelle ultime sedute. Importanti testate giornalistiche hanno riportato la notizia che la holding infrastrutturale ha sporto denuncia alla Consob per dichiarazioni rese in passato da alcuni esponenti del Governo in merito ad una possibile revoca della concessione alla controllata Autostrade per l’Italia. Secondo Atlantia, queste dichiarazioni, rese in borsa, avrebbero provocato un’elevata volatilità sul titolo. Intanto, secondo quanto scritto su Il Sole24Ore, anche ASMA (-0,11%) sarebbe interessato alla partecipazione detenuta dalla partecipazione in Autostrade per l’Italia.

Vendita di azioni del settore petrolifero, dopo che il prezzo del petrolio greggio (contratti futures con scadenza novembre 2020) a New York City è sceso sotto i 37,5 dollari al barile.

ENI registra un decremento dello 0,91% a 6,403 euro.

In frazionario svantaggio Fiat Chrysler Automobiles (-0,21%). Il Ministero dei Trasporti ha annunciato che a settembre 2020 sono state immatricolate in Italia poco più di 156.000 auto, con un aumento del 9,5% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Al contrario, nei primi nove mesi del 2020 le immatricolazioni sono diminuite del 34,1%. Fiat Chrysler Automobiles ha sovraperformato il mercato. Secondo quanto riportato da Reuters a settembre, le immatricolazioni del gruppo ammontano a circa 37.000 unità, in aumento del 17,5% rispetto allo stesso mese del 2019.

READ  Coronavirus, in Francia più di 20mila contagi in 24 ore. Madrid, nuovo stato di emergenza

Safilo pubblica un balzo del 15% a 0,644 euro dopo alcune sospensioni per eccesso di rialzo. La società ha annunciato che prevede una crescita delle vendite di circa il 5% (a valute costanti) dal terzo trimestre del 2020 rispetto allo stesso periodo del 2019 con un ritorno all’utile a livello di EBITDA adjusted. . Per l’anno in corso, tuttavia, il gruppo Safilo non pensa di poter fornire nuovi indirizzi. Inoltre, gli analisti di Kepler Cheuvreux hanno migliorato la loro opinione sul gruppo Safilo e ora consigliano il riacquisto delle azioni, sulla base di un target price di 0,68 euro.


More from Teodosio Lettiere

Borsa Italiana, commento della seduta odierna (22 settembre 2020)

I titoli del settore bancario restano sotto i riflettori, dopo la correzione...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *