Attentato a Vienna, sparatorie in sei quartieri della città. “Un assassino ucciso, almeno un altro è in fuga.” Kurz: “Terrorismo con organizzazione professionale”

Vienna è stato colpito da un attacco terroristico con sparatorie in sei punti diverso in città: almeno tre persone sono morte (compreso uno degli assassini) e 15 sono rimasti feriti di cui 7 in condizioni gravi. L’azione, iniziata intorno alle 20 del 2 novembre nei pressi del centro sinagoga, è ancora in corso: le autorità austriache hanno chiesto alle persone di non lasciare le loro case.

Secondo quanto riferito, l’attacco è stato effettuato da una squadra di commando: uno dei sospetti aggressori, un uomo con “Fucile d’assalto“E un cintura esplosiva, è stato uccidere dagli agenti. Ma, secondo il ministro dell’Interno Karl Nehammer, l’azione è stata portata avanti da diversi soggetti “che ancora si muovono in città”. Gli aggressori, ha aggiunto, “sono pericolosi e lo hanno fatto artiglieria pesante“Secondo le ultime indiscrezioni, lo sarebbero stati almeno tre aggressori. Cancelliere Sebastian kurz poco dopo, parlando in diretta in televisione, non ha escluso “il motivo antisemita“E ha spiegato che” l’attacco era stato preparato in questo modo molto professionaleQuello che è venuto fuori dal primo momento è stato che i vari attacchi erano coordinati. “Hanno cominciato. disegnare a caso sul posto “, ha detto il sindaco di Vienna. Come riportato dal sito di osservazione del fondamentalismo islamico Posto, i gruppi jihadisti sul web scrivono che l’attacco terroristico è una rappresaglia contro la partecipazione austriaca al coalizione anti-Isis guidato dagli Stati Uniti, anche se finora non ci sono lamentele.

L’attacco è avvenuto alla vigilia del confinamento nazionale anti-Covid. Tramite Twitter tutti i cittadini sono invitati a restare a casa ea non utilizzare il trasporto pubblico. Oggi, martedì 3 novembre, le scuole rimarranno chiuse e le autorità hanno chiesto di evitare di andare nella capitale: la zona è isolata ed è ancora in corso una “grande operazione”.

Ricostruzione dell’attacco – La dinamica dell’aggressione, che avviene pochi giorni dopo quelle avvenute a Parigi e Nizza, ancora non chiaro. Quello che è certo, il rapporto della polizia, è che i primi colpi sono stati sparati 8 pm nella Seitenstettengasse, a meno di 600 metri dalla centralissima Stephansplatz, sempre piena di gente prima della serrata prevista per il 3 novembre a mezzanotte. Poi c’erano diversi sparatorie, almeno sei, in altrettanti posti della città. Secondo il sito web del giornale Mail, questi sono i Salzgries, la Seitenstettengasse, il Fleischmarkt, il Morzinplatz, il Graben e il Bauernmarkt. Uno degli attentatori, conferma la TV Orf, indossava una cintura esplosiva ed era carico di munizioni. Sul sito sono i artificieri la polizia che procede disinnescare. Gli agenti chiedono Twitter Evita di pubblicare foto o video su rete sociale per non interferire con il blitz in corso, l’invito è piuttosto quello di fornire loro tutte le informazioni e il materiale in loro possesso. stazione della metro Schottenring, riporta il sito web del quotidiano Lo standard, era circondato da uomini delle forze speciali, mentre sono in corso anche raid nei pressi dell’hotel Hilton. Elicotteri sorvolano l’area intorno alla sinagoga dove si udivano gli dei riprese e ha anche preso la terra l’esercito per proteggere le aree sensibili, da ambasciate straniere. L’area intorno al centro cittadino era in gran parte chiusa e le linee del metropolitano attualmente non si fermano a stazioni del primo arrondissement.

READ  ora è tutto nelle mani di Conte - Libero Quotidiano

Testimoni: “100 colpi”. 15 feriti – “Ho visto una persona correre lungo la Seitenstettengasse sparare selvaggiamente con un’arma automatica ”, ha detto un testimone in televisione Orf. “Poi è diventato il ‘Roter Engel’ (un locale, ed) e da lì a Schwedenplatz. Ha continuato a sparare selvaggiamente lì. Poi è arrivata la polizia ”. Altri testimoni parlano almeno di “100 colpiSentito per strada e cittadini presi in ostaggio in un ristorante giapponese, ma la notizia non è stata confermata dalle autorità. Finora quindici sono stati feriti ricoverato in ospedale negli ospedali viennesi, riferisce all’agenzia Che cosa Christoph mierau, portavoce della rete sanitaria. È probabile che i ricoverati abbiano sofferto ferite gravi. Mierau non ha specificato se si trattava di ferite da arma da fuoco o di quelle provocate da un’esplosione. “Non possiamo ancora definire le morti e gli infortuni in termini di numeri, stiamo ancora ottenendo il quadro generale”, ha aggiunto Daniel, un collega di RE. Melcher, confermando che ci sarebbero state diverse vittime.

La comunità ebraica – Escludendo, almeno per ora, l’ipotesi che il primo obiettivo degli attaccanti fosse il sinagoga di Seitenstettengasse. Il Presidente delle Comunità ebraiche austriache, Oskar tedesco, ha scritto su Twitter che “al momento non possiamo dire se il tempio della città era uno dei obiettivi. Quello che è certo, tuttavia, è che la sinagoga Seitenstettengasse e l’edificio per uffici allo stesso indirizzo non erano più in uso e chiuso durante i primi colpi“, Specifica. “In ogni caso, c’è stata una sparatoria nel immediate vicinanze del tempio della città. Tutti i devoti sono stati esortati a non entrare o uscire dalle strade e a rimanere al sicuro fino a quando le autorità non avranno chiarito i fatti “. Mail anche dal rabbino Schlomo Hofmeister, che vive in un appartamento appena sopra la sinagoga della città. Secondo la sua testimonianza, “l’autore è andato a Mercato alto e la Chiesa di San Ruperto ”e presumibilmente sparato alle persone sedute nel giardino del pub in Judengasse e Seitenstettengasse, “non mirava alla sinagoga”. Tuttavia, secondo il cancelliere austriaco, “non si può escludere per il momento un motivo antisemita, anche alla luce del luogo da cui è partito l’attacco”. Kurz ha quindi invitato i cittadini a tenersi informati sull’evoluzione degli eventi: “Dipenderà sviluppi di quella notte se domani potrà riprendere la vita pubblica ”.

READ  Milan, annuncio ufficiale su Stefano Pioli: cosa succede ora

Da Macron a Conte, le reazioni – Immediate condoglianze da parte dei capi di Stato e di governo di tutto il mondo per questo incidente. “Dopo Francia, un paese amico viene attaccato. E il la nostra Europa», Ha scritto il presidente francese su Twitter Emmanuel Macron, che ha presto ascoltato al telefono il primo ministro austriaco Kurz. “Nostro nemici hanno bisogno di sapere con chi hanno a che fare. Noi non ci arrenderemo. Noi francesi condividiamo lo shock e il dolore Popolo austriaco colpito questa sera da un attentato a cuore dalla sua capitale, Vienna ”. Grave condanna anche da parte delle autorità europee, con il presidente del Consiglio dell’UE Charles Michel che dedica un pensiero “alle vittime e agli abitanti di Vienna colpiti da questo terribile attacco. Siamo accanto a Sebastian kurz“. Ministro degli esteri tedesco Heiko maas ha dichiarato che “non dobbiamo cedere all’odio di chi cerca di dividere le nostre società”, mentre il Presidente del Consiglio italiano Giuseppe Conte ha ricordato che “non c’è posto per l’odio e la violenza tra noi Casa comune europea. Vicinanza al popolo austriaco, alle famiglie delle vittime e dei feriti ”. A fine serata i ringraziamenti sono arrivati ​​dal Cancelliere austriaco, che parla di “disgustoso attacco terroristico“:” Ringraziamo i leader dell’Unione Europea e il nostro partner internazionali per le loro espressioni di solidarietà “, si legge in un tweet. “L’intero paese guarda a vittime, ai feriti e alle loro famiglie, ai quali esprimo i miei più cordiali sentimenti condoglianze“. Il Presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen: “Sono scioccato e rattristato dal attacco brutale avvenuta a Vienna. Il mio pensiero va alle famiglie delle vittime e al popolo austriaco. L’Europa è piena solidarietà In Austria. Siamo più forte dell’odio e terrore ”.

READ  Coronavirus, più di 18.000 casi in Francia nelle ultime 24 ore | Ospedali sotto pressione a Parigi

* ultimo aggiornamento alle 2:30

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come adesso
abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo coscienziosamente il nostro lavoro, facciamo un servizio pubblico. Anche per questo, ogni giorno su ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, informazioni esclusive, interviste ad esperti, sondaggi, video e tanto altro. Tuttavia, tutto questo lavoro ha un costo economico elevato. La pubblicità, in un momento in cui l’economia è ferma, offre un reddito limitato. Non in linea con la rampa di accesso. Ecco perché chiedo a coloro che leggono queste righe di sostenerci. Per darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana, indispensabile per il nostro lavoro.
Diventa un utente dell’assistenza clicca qui.

grazie
Peter Gomez

Ma ora siamo noi che abbiamo bisogno di te. Perché il nostro lavoro ha un costo. Siamo orgogliosi di poter offrire ogni giorno centinaia di nuovi contenuti gratuitamente a tutti i cittadini. Ma la pubblicità, in un momento in cui l’economia è ferma, offre un reddito limitato. Non in linea con il boom degli accessi a ilfattoquotidiano.it. Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino a settimana. Una somma modesta ma fondamentale per il nostro lavoro. Dacci una mano!
Diventa un utente dell’assistenza!

Con gratitudine
Peter Gomez


ilFattoquotidiano.it

Supporto ora


Pagamenti disponibili

Articolo precedente

Il “re della salsiccia” russo ucciso con la balestra mentre si rilassava nella sauna

Il prossimo


Articolo successivo

Vienna, riprese vicino alla sinagoga del centro: le prime immagini sui social – Video

Il prossimo


More from Teodosio Lettiere

Coronavirus, il vaccino cinese BBIBP-CorV si è dimostrato sicuro

16 ottobre 2020 01:16 Secondo i risultati preliminari dell’esperimento, è stata ottenuta...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *