Al largo della Grecia, il peggior affondamento di un barcone di migranti dal 2016

Al largo della Grecia, il peggior affondamento di un barcone di migranti dal 2016

Sul molo del porto di Kalamata, nel sud della Grecia, al buio, poco prima delle 23, una nave della guardia costiera attracca lontano da occhi indiscreti. I volontari della Croce Rossa osservano con gravità la scena. “Stanno riportando in vita i morti… Ora non c’è speranza di trovare altri sopravvissuti”, sussurra uno di loro. Un camion frigo si ferma davanti alla barca e inizia il trasferimento delle salme. I 79 corpi recuperati al largo della penisola del Peloponneso, in seguito al naufragio, nella notte tra martedì 13 e mercoledì 14 giugno, di un peschereccio carico di migranti, dovranno essere portati all’obitorio di Corinto o a quello di Atene, per essere identificati.

“Ma questa cifra ovviamente aumenterà nel corso delle ore e potremmo avere centinaia di morti”, codardo, esausto, Dimitris Haliotis, un soccorritore della Croce Rossa. Secondo le testimonianze delle cento persone soccorse in mare, sarebbero state 750 ad ammassarsi senza giubbotto di salvataggio sul decrepito peschereccio blu. “La nave era lunga dai 25 ai 30 metri. Il ponte era pieno e pensiamo che lo fossero anche gli interni”Il portavoce della Guardia Costiera Nikolaos Alexiou ha detto alla televisione ERT. È il peggior naufragio al largo delle coste del Paese dal giugno 2016.

Nel porto di Kalamata, Dimitris Haliotis fornisce i primi soccorsi ai sopravvissuti. Per lo più siriani, egiziani e pakistani, sono temporaneamente ospitati in un hangar in disuso. Sdraiati su materassi e avvolti in coperte grigie, i loro volti sono segnati da traumi e stanchezza. Dietro una barriera, sono circondati da polizia, guardacoste e soldati.

Leggi anche: Articolo riservato ai nostri abbonati Tre mesi dopo l’affondamento di una nave di migranti sulle coste italiane, inchiesta sul dramma di Cutro

“Sono psicologicamente e fisicamente molto deboli. Viaggiavano da sei giorni su una barca dove erano uno sopra l’altro… Non avevano nemmeno un posto dove defecare, erano disidratati e non mangiavano bene da giorni”sottolinea Orestis Koulopoulos, medico del pronto soccorso che afferma che, dalla mattina, una ventina sono stati ricoverati in ospedale per ipotermia, febbre o ipoglicemia.

READ  “Giovanni” Moretti si avvicina al suo “doppio” sullo schermo

Maggiore assunzione di rischi

Secondo diverse fonti, il barcone è partito da Tobruk, città portuale nella Libia orientale, a meno di 150 chilometri dal confine egiziano. Da circa un anno il numero delle partenze da questa regione nord-orientale, nota come Cirenaica, è notevolmente aumentato, mentre la maggioranza dei migranti ha finora cercato di raggiungere l’Europa dalla regione costiera di Tripoli. A giugno, la metà delle partenze è avvenuta da est, controllata dal maresciallo Khalifa Haftar e dall’Esercito nazionale libico.

Hai ancora il 71,16% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *