Afghanistan: la preoccupazione per una nuova ondata di profughi ha raggiunto il suo apice

Germania, Francia, Spagna e Repubblica Ceca sono tra i paesi che hanno già lanciato aerei militari per trasportare i propri cittadini, mentre anche l’Italia ha espresso intenzioni simili (Foto: Etat-major des Armees/Handout via REUTERS).

Bruxelles – risposta. eccezionale Consiglio Affari Esteri Si è riunito oggi il Servizio europeo per l’azione esterna (SEAE) sugli sviluppi in Afghanistan, come annunciato dal suo presidente, Josep Borrell. L’incontro si terrà in videoconferenza, a partire dalle ore 16:00. Ora di Bruxelles | Ieri, dopotutto, il suo soggetto Afghanistan Discusso al Comitato politico e di sicurezza dell’Unione europea (PSC)

Allo stesso tempo, il cosiddetto Med 5 (Grecia, Italia, Spagna, Cipro, Malta)I primi Paesi che ospitano richiedenti asilo nell’Unione Europea hanno chiesto che l’Afghanistan sia inserito nell’agenda del Consiglio Straordinario degli Affari Interni previsto per domani. La riunione straordinaria si è tenuta, nell’ambito del meccanismo di gestione delle crisi (ICPR), segnando gli sviluppi con flussi migratori Al confine tra Bielorussia e Lituania. La presidenza slovena non intende ampliare l’agenda ufficiale dell’incontro, ma i ministri che vorranno prendere posizione sulla questione dell’Afghanistan potranno farlo.

“E’ chiaro che il nostro Paese non sarà una porta d’ingresso per una nuova ondata di rifugiati”, ha detto ieri il ministro dell’Immigrazione e dell’Asilo (OpenTV). Notis Metarakis. “Stiamo ancora aspettando pochissimi arrivi”, ha detto il signor Mitarakis. Ma ha osservato che “questa è una cosa dinamica” e dipenderà in larga misura “dai flussi in Turchia e dalla posizione della Turchia”. “Non vogliamo rivedere le scene che abbiamo vissuto nel 2015”, ha aggiunto.

secondo Con informazioni da “K”Nella riunione del Consiglio di pace e sicurezza tenutasi ieri (le consultazioni proseguiranno oggi alla SEU), sono state accelerate le consultazioni sul trasferimento di centinaia di afgani che hanno prestato servizio nella delegazione dell’UE. Afghanistan e la Missione Europea per l’Aiuto Umanitario e la Protezione Civile. Ora sembra che gli obblighi di visto da parte degli Stati membri siano quasi sufficienti per coprire tutti gli afgani e le loro famiglie – 390 persone – che rientrano nel gruppo più vulnerabile (donne, bambini, operatori dei diritti umani, ecc.). La Grecia si è impegnata a fornire i visti a due famiglie, mentre il numero totale di afgani da espellere è di 575 persone. E il problema più importante al momento, secondo le stesse informazioni, è garantire che si possano fare i viaggi necessari.

READ  Le startup innovano con Oracle Cloud

Germania, Francia, Spagna e Repubblica Ceca sono stati tra i Paesi che hanno già lanciato aerei militari per evacuare i propri cittadini e collaboratori afgani, mentre l’Italia ha espresso intenzioni simili. Domenica scorsa, il ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas ha detto “faremo tutto il possibile” per questo nei prossimi giorni. Ha ammesso, tuttavia, che “le circostanze in cui ciò potrebbe essere fatto sono difficili da prevedere in questo momento”. Si è rivelato profetico la scorsa notte, poiché l’aereo tedesco non è stato in grado di atterrare a Kabul a causa della situazione. L’aeroporto internazionale di Kabul, presidiato da 6.000 soldati americani e rinforzato dalle forze britanniche, è l’ultima via di fuga dal Paese. Tuttavia, secondo la rivista Der Spiegel, Washington ha detto ai suoi partner domenica che anche queste forze si sarebbero ritirate entro 72 ore.

Una dichiarazione congiunta della comunità internazionale ha affermato che 25 dei “27” dell’Unione europea. (ad eccezione di Ungheria e Bulgaria) e del Dipartimento degli affari economici europei, invitando “tutte le parti interessate a rispettare e facilitare la partenza sicura e ordinata dei cittadini stranieri e afghani che desiderano lasciare il paese”. Egli osserva che coloro che ricoprono posizioni di autorità sono responsabili “della protezione della vita e della proprietà umana e dell’immediato ripristino della sicurezza e dell’ordine pubblico”.

Allarme in Turchia

Ankara, che sta monitorando da vicino gli sviluppi in Afghanistan, sta aumentando le sue forze di sicurezza e di monitoraggio lungo il confine orientale, sollevando preoccupazioni per una nuova ondata di rifugiati. Ministro della Difesa turco Hlusi Akar Ha detto ieri che “ulteriori rinforzi sono stati fatti ai nostri posti di frontiera e alle aree di base, oltre ai battaglioni di frontiera esistenti, ai battaglioni di commando e alle squadre di ricognizione”. Ha aggiunto che le unità per le operazioni militari e di polizia sono state rafforzate. “Tutti dovrebbero sapere che alla frontiera vengono prese misure più intense che mai e che i controlli alle frontiere sono più efficaci”. Akar ha fatto riferimento anche al muro lungo 300 chilometri che Ankara sta costruendo nella zona, affermando che “la maggior parte di questa costruzione è stata completata” e che “sono stati scavati circa 150 chilometri di trincee”. Si è tenuta ieri al ministero della Difesa, presieduta da Akar, una teleconferenza con la partecipazione del Comandante delle Forze turche in Afghanistan, del Comandante delle Forze Armate, nonché del Comandante dell’Aeronautica Militare. I rapporti indicano che il numero di afgani che cercano di entrare nel paese è aumentato, ma le autorità turche non lo hanno confermato.

READ  Segreti di una cantina di 1500 anni attraverso importanti scavi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *