a Firenze le sorprendenti immagini della toilette del “David” di Michelangelo

a Firenze le sorprendenti immagini della toilette del “David” di Michelangelo

Questa manutenzione bimestrale, che dura un giorno e viene effettuata da un restauratore specializzato, permette anche di verificare lo stato di questo gigante di marmo.

Articolo scritto da

Bruno Duvic – pubblicato da France Info

Radio Francia

Pubblicato

Aggiornamento


Tempo di lettura: 2 minuti

IL "Davide" di Michelangelo è esposto sotto una vetrata nel Museo dell'Accademia di Firenze.  (BRUNO DUVIC / RADIO FRANCIA)

Anche una delle statue più famose al mondo, simbolo della città di Firenze e del Rinascimento, non sfugge alla polvere. Ogni due mesi, il giorno di chiusura settimanale della Galleria dell'Accademia viene utilizzato per una pulizia completa degli ambienti Davide di Michelangelo. E ci vuole un giorno per pulire completamente questo gigante di marmo alto 5,17 metri, base compresa.

Una volta ogni due mesi, Eleonora Pucci si occupa della pulizia

Su un'impalcatura mobile alta sei metri, c'è un pezzettino di donna, grande quanto uno stinco Davide, che è l'unica che può avvicinarsi alla scultura: Eleonora Pucci, restauratrice e specialista in lavorazioni lapidee. Per la pulizia, niente acqua, niente prodotti e nemmeno tecnologie di ultima generazione: nemmeno quella può toccare il marmo di Carrara in cui è stato scolpito l'uomo simbolo della bellezza virile. “Si comincia dall'alto, utilizzando spazzole molto morbide con setole sintetiche, che attirano la polvere. La polvere viene poi assorbita da un aspirapolvere, senza che tocchi il marmo”, descrive Cecilie Hollberg, direttrice della Galleria dell'Accademia. Un aspirapolvere che la ristoratrice porta come uno zaino, sulle spalle.

Polvere trasportata dai visitatori

Sono i capelli di Davide che richiede più tempo. Nei riccioli del giovane si insinuano più impurità – anche qualche piccola ragnatela – che sulle parti lisce. Tuttavia, sono trascorsi più di 150 anni da allora Davide non è più all'aria aperta. La statua che vediamo in Piazza della Signoria, a due passi da Ponte Vecchio, a Firenze, è una copia. Fu nel 1873 che l'originale dell'uomo con la fionda venne trasferito nella Galleria dell'Accademia, costruita per lui e addirittura attorno a lui. Un tetto in vetro ne evidenzia le curve perfette.

La pulizia bimestrale è anche occasione per un attento esame della statua, per verificare lo stato del marmo.  (BRUNO DUVIC / RADIO FRANCIA)

Ma allora, da dove viene questa polvere? «Sono i visitatori dei musei a portare con sé questa polvere, nel 2023 ne abbiamo avuti più di due milioni di persone, ognuna delle quali porta con sé anche una piccola quantità di sporco”, spiega Cecilie Hollberg. Ogni giorno vengono tra le 3.500 e le 10.000 persone ad ammirare questo colosso di marmo. Il monitoraggio del sito coinvolge anche sensori di temperatura e umidità.

“Il ritmo della pulizia ogni due mesi sembrava essere quello giusto per noi, a seconda del numero di visitatori. E poiché abbiamo un nuovo sistema di climatizzazione, con nuovi filtri, abbiamo molta meno polvere.”

Cecilie Hollberg, direttrice della Galleria dell'Accademia di Firenze

su franceinfo

La toilette offre infine l'occasione per un esame molto attento della scultura. Eleonora moltiplica le foto che confronterà con quelle scattate durante la pulizia precedente. Viene rilevata la minima traccia di porosità o fragilità nel marmo, in particolare alle caviglie. Davide, nonostante abbia degli addominali impeccabili, pesa comunque più di cinque tonnellate. E il blocco unico di marmo in cui era scolpito aveva dei difetti, non era stato Michelangelo in persona a sceglierlo. Ma il direttore dell’Accademia assicura: a più di 500 anni, Davide sembra il giovane perfetto che ha simboleggiato fin dal Rinascimento.

READ  EM 2021: Italia - Austria: rassegne stampa sugli ottavi di finale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *