8 ore di solitudine possono avere lo stesso effetto di 8 ore senza cibo

8 ore di solitudine possono avere lo stesso effetto di 8 ore senza cibo

La solitudine può essere una benedizione per alcuni. Ma secondo uno studio, ritirarsi in se stessi può prosciugare notevolmente la nostra energia.

Tendiamo a pensare che la pandemia legata al virus abbia isolato molti uomini e donne francesi. Ma in realtà la solitudine è un problema di salute pubblica che precede il confinamento e le restrizioni sociali, che hanno solo esacerbato questo fenomeno. Per diversi anni, una serie di studi ha esaminato ciò che provoca la solitudine. È il caso delle università di Vienna e Cambridge, che lo hanno fatto studio congiunto Pubblicato il 28 marzo 2023.

Lo studio è stato condotto in laboratorio, isolando 30 donne adulte, per osservare l’effetto della solitudine sulla loro energia. Sono venuti al laboratorio in tre giorni diversi, in tre diverse situazioni:

  • O senza contatto sociale
  • o senza cibo
  • O attraverso il contatto sociale e il cibo.

“Sentimento di inferiorità”

Durante ogni giornata, i partecipanti hanno fornito diversi aggiornamenti sul loro livello di stress e stanchezza, descrivendo i loro stati d’animo. Gli scienziati hanno anche registrato le loro risposte fisiologiche allo stress, analizzando la loro frequenza cardiaca e i livelli di cortisolo. Alla fine, i risultati hanno rivelato che queste otto ore di isolamento sociale hanno portato a una diminuzione dell’energia e a un aumento della fatica. Equivale a 8 ore di privazione alimentare “.

Tuttavia, questi risultati non hanno soddisfatto del tutto gli scienziati dietro lo studio, che si chiedevano se avrebbero ottenuto risultati simili in condizioni di vita reale. Con questo in mente, hanno condotto un altro studio in Austria e in Italia, durante il confinamento causato dal Coronavirus nel 2020. Questa volta, 87 adulti sono stati socialmente isolati per 8 ore.

READ  A quale famiglia appartengono questi rettili marini vissuti in Cina 250 milioni di anni fa?
fonte : pix

I risultati dei due studi puntavano nella stessa direzione, permettendo agli scienziati di suggerire ” quella bassa energia potrebbe essere parte di una risposta omeostatica alla mancanza di contatto sociale “.

Questi risultati comparativi degli autori dello studio confermano: Se non mangiamo per un lungo periodo di tempo, una serie di processi biologici crea una sensazione di inadeguatezza che chiamiamo fame. Come specie sociale, abbiamo anche bisogno degli altri per sopravvivere. È stato dimostrato che la mancanza di connessione sociale innesca una risposta di desiderio nel nostro cervello paragonabile alla fame, spingendoci a riconnetterci. “.

La perdita dipende dal carattere

Tuttavia, alcune persone hanno un’esperienza migliore di altre. Pertanto, gli scienziati nello studio hanno riferito che le reazioni erano influenzate dai tratti della personalità sociale dei partecipanti. Lo studio condotto in condizioni di COVID-19 ha mostrato che le persone che si descrivono come sociali avevano una diminuzione molto significativa dell’energia quando erano isolate, rispetto ai giorni in cui avevano interazioni sociali.

Al contrario, il calo energetico è molto minore nei partecipanti meno sociali, che hanno anche vissuto meglio l’esperienza. Ciò non significa che non siano stati colpiti neanche loro. Ma, rispetto ai partecipanti altamente socievoli, si sentivano meno stanchi.

Per altri, l'isolamento sociale a volte è meglio vissuto // Fonte: Pixabay
Per altri, l’isolamento sociale a volte è meglio che sperimentato. // Fonte: Pixabay

Questa analisi è in linea con quanto osservato nella società durante la pandemia, poiché alcune persone, abituate a stare a casa, hanno approfittato del confinamento per ricaricare le batterie. Non è stato così per altre persone che hanno visto le proprie abitudini sociali turbate dall’obbligo di restare a casa.

Secondo gli autori dello studio, questi risultati dovrebbero essere presi sul serio. Se la diminuzione dell’energia fa Parte della nostra risposta omeostatica alla mancanza di contatto sociale “, anche questo” Un potenziale precursore di alcuni degli effetti dannosi dell’isolamento sociale a lungo termine Georgia Silani, una delle scienziate coinvolte nello studio, spiega addirittura che “ Il fatto che osserviamo questo effetto anche dopo un breve periodo di isolamento sociale suggerisce che una mancanza di energia potrebbe essere una risposta adattativa che, a lungo termine, potrebbe diventare disadattativa. “.

READ  Zinedine Zidane, campione del mondo 98, il cambiamento fisico è evidente

Tuttavia, ci sono alcune potenziali limitazioni: gli autori non escludono completamente un ruolo della noia nei risultati: quanto è occupato il tempo. ” È probabile che i partecipanti più socievoli abbiano deciso di astenersi dalle interazioni sociali nei giorni in cui si sentivano a corto di energia, non che la mancanza di interazioni abbia causato il basso livello di energia. Scrivono anche, Sebbene queste possibilità non si escludano a vicenda, il nostro studio di laboratorio fornisce prove a favore di quest’ultima spiegazione. È uno studio basato su associazioni piuttosto che su cause dirette in questa fase della ricerca.


partecipazione a Numerama su Google News Quindi non perdere nessuna informazione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *