6 Nazioni 2023. Gran colpo per l’Italia: il torneo è finito per Ange Capuzzo

6 Nazioni 2023. Gran colpo per l’Italia: il torneo è finito per Ange Capuzzo
L’ala o retroguardia della Nazionale italiana, Ange Capuzzo, ha perso al termine del 6 Nazioni 2023. (© Icona Sport)

IO’Italia Voleva che ci credessi. Ma lunedì 6 marzo 2023 doveva risolvere il problema: ala o poppa Angelo Capuccio est forfettario all’estremità Campionato 6 Nazioni 2023.

Un duro colpo per la Squadra Azzurra, attrattiva nelle prime 3 partite della competizione, a cui mancano due partite (Galles e Scozia) per evitare il cucchiaio di legno.

Colpo alla spalla sinistra

E mentre da giorni circola l’assenza di Capuzzo dalla fine del torneo, l’Italia ha sollevato perplessità chiamando il Tolosa nelle ultime due partite. Trucco? Riuscirà a credere fino in fondo che la gemma si riprenderà nel tempo?

Ferito alla spalla sinistra – un “trauma muscoloscheletrico” – durante la battuta d’arresto a Roma contro l’Irlanda, Ange Capuzzo ha recuperato a un ritmo molto più lento di quanto previsto dallo staff azzurro.

“Vista la persistenza della sintomatologia dolorosa alla spalla sinistra e con l’obiettivo di consentire al giocatore di proseguire il percorso riabilitativo in tranquillità e con i tempi necessari per un pieno recupero funzionale, lo staff tecnico italiano ha concordato con il giocatore di non procedere con il suo reintegro nelle ultime due giornate del Sei Nazioni”, rileva la Federazione italiana dichiarazione.

Capuozzo sarà curato a Tolosa

Quest’ultimo afferma che Ange Capuozzo (23 anni; 10 scelte) continuerà le sponsorizzazioni all’interno del suo club, Stadio di Tolosa. Potrebbe non tornare alle competizioni fino all’inizio di aprile.

Ricevi ogni giorno i nostri migliori articoli nella tua casella di posta con la newsletter di Actu Rugby. Iscriviti qui, è gratis!

Video: attualmente in Actu

Segui tutte le notizie dalle tue città e media preferiti iscrivendoti a Mon Actu.

READ  Dalle alte montagne della lista, un cronometro in ascesa... Vi presentiamo le quattro tappe da non perdere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *