2 nuovi 3 stelle e 5 nuovi 2 stelle

2 nuovi 3 stelle e 5 nuovi 2 stelle


Italia
Questa selezione è uno di tutti i record? La Guida Michelin Italia 2024 premia due strutture con tre Stelle Michelin, cinque ristoranti ricevono due Stelle Michelin e, tra questi, due ristoranti entrano nella Guida Michelin. A questi si aggiungono 26 ristoranti recentemente premiati con una Stella Michelin. In totale, questa nuova annata comprende 395 ristoranti stellati Michelin.


Pubblicato il 15 novembre 2023 alle 11:42


Due ristoranti insigniti delle prestigiose tre Stelle Michelin

Atelier Moessmer Norbert Niederkofler, Brunico, (BZ)

Nel suo nuovo locale, immerso nel cuore di un’antica villa restaurata, lo chef Norbert Niederkofler rimane fedele al suo mantra “cook the mountain” (cucinare i prodotti della montagna). Nei suoi piatti? La quintessenza degli ingredienti provenienti dalle montagne e dalle valli circostanti, coltivati ​​direttamente da produttori e agricoltori che rispettano i cicli naturali per preservare i sapori e le qualità nutrizionali dei loro eccezionali prodotti. Per questi impegni sostenibili che caratterizzano la cucina del ristorante, riceve la Stella Verde Michelin. Un piatto in particolare ha colpito i nostri ispettori, trasmettendo con forza sorprendente la filosofia dello chef: il risotto alla robiola accompagnato da tuorlo d’uovo grattugiato e crescione. Un piatto aromatico, intenso e speziato, in cui il rafano si esprime, ma senza sopraffare il palato.

Quattro Passi, Nerano, Napoli, (NA)

Le tre Stelle Michelin tornano a brillare in Campania, in particolare a Nerano, dove la penisola sorrentina si rastrema verso Capri e trova il tempo di rallentare la sua corsa per creare una delle baie più romantiche della costa. Quattro Passi apriva i battenti in questo angolo di paradiso 40 anni fa: la conquista delle due Stelle Michelin era opera dello chef Tonino Mellinoche ha passato il testimone a suo figlio Fabrizio per molti anni. Grazie al suo tocco personale, quest’ultimo ha compiuto il passo definitivo per entrare nell’Olimpo della gastronomia mondiale, raggiungendo livelli sorprendenti di raffinatezza, stile e sensibilità nella cucina campana e mediterranea che propone. Tra i piatti che hanno attirato l’attenzione dei verificatori possiamo citare le linguine alla neranese, il fusillone ai ricci di mare, l’agnello di Laticauda e la pasticceria salata: lo chef passa dalla tradizione alla modernità senza mai perdere di vista la purezza del gusto, nel rispetto degli ingredienti e offrendo una cucina perfetta.

READ  Cinque destinazioni per un lungo weekend di sole in Europa

Cinque ristoranti brillano tra le Due Stelle Michelin

Indietro, testa Mario E Remo CapitaneoMilano (MI)

La Rei Natura di Michelangelo MammolitiSerralunga d’Alba (CN)

Andrea Aprea, cuoco Andrea ApreaMilano (MI)

Ristorante George, chef Domenico CandelaNapoli (NA)

Piazzetta Milù, chef Maicol IzzoCastellammare di Stabia (NA)








Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *