Verso un calendario “comodo”?

Come tutti sanno, la NASA prevede di riposare sulla superficie lunare dal 2024 come parte del programma Artemis. Tuttavia, alcuni esperti ritengono che questa scadenza sia troppo ambiziosa. Il nuovo presidente eletto Joe Biden potrebbe presto allentare questo programma e dare all’agenzia statunitense uno o due anni in più per raggiungere tale obiettivo.

Nel 2017 l’amministrazione Trump ha chiesto alla NASA di riportare gli esseri umani sulla luna nel 2024. È da questo desiderio che è nato il programma Artemis, la cui prima parte si svolgerà in tre fasi. La prima, Artemis 1, sarà una missione senza equipaggio intorno alla luna. Poi vengono le missioni Artemis 2 e Artemis 3. La prima sarà una missione con equipaggio in orbita attorno alla luna, mentre la seconda porterà il prossimo uomo e la prima donna ad atterrare sulla luna.

Si noti che a lungo termine l’obiettivo del programma Artemis sarà fondamentale Installazioni permanenti Nella regione antartica, consentendo agli equipaggi di rimanere più a lungo nello spazio. Sarà così Sviluppo e sperimentazione di nuovi metodi, tecnologie e sistemi che consentono un’esplorazione più facile e meno costosa degli spazi abissali (Esplorazione di Marte all’orizzonte).

Tuttavia, sapevamo fin dall’inizio che questo obiettivo per il 2024 era molto ambizioso. Molti hanno quindi giustificato questa scadenza con l’idea che se questo ritorno sulla luna avesse avuto successo, potrebbe essere gestito sotto la presidenza di Donald Trump, se fosse rieletto. Da allora la situazione americana è cambiata. A partire dal prossimo gennaio, gli Stati Uniti saranno guidati dal neoeletto presidente Joe Biden.

Il primo stadio del lanciatore SLS assegnato al lancio della missione Artemis I lascia la fabbrica Michoud. Credito: Danny Nolin

Stessi obiettivi, meno stress?

A priori, non c’è dubbio che il programma Artemis verrà cancellato. Il presidente eletto, finora, non ha parlato molto pubblicamente della NASA o dell’esplorazione spaziale. Tuttavia, sappiamo che il Partito Democratico sostiene apertamente l’ampia visione di Artemis: “Stiamo sostenendo il lavoro della NASA per riportare gli americani sulla Luna e oltre, e per fare il passo successivo nell’esplorazione del nostro sistema solare”., Potresti continuare a leggere Podio 2020 Cerimonia.

READ  Atomi molto freddi rivelano un nuovo tipo sorprendente di comportamento magnetico quantistico

D’altra parte, alcuni esperti ritengono che l’amministrazione Biden potrebbe dare alla NASA “più inerzia” per raggiungere i suoi obiettivi.

“Mi aspetto che l’obiettivo del 2024 scompaia”., Raccontare Space.com John Logsdon, esperto di politica spaziale, è professore emerito di scienze politiche e affari internazionali presso la Elliott School of International Affairs della George Washington University. Eric Stallmer, Vicepresidente esecutivo per gli affari governativi e le politiche pubbliche di Voyager Space Holdings è d’accordo. “Penso che le persone rivedranno sicuramente il programma. E onestamente Non credo che qualcuno pensi che la tempistica per il 2024 fosse realistica a un certo punto».

Non sono gli unici “scettici”. domanda Lo scorso giugno, con il calendario Artemis che andava bene, anche il nuovo capo dei programmi di volo spaziale umano della NASA, Cathy Loders, ha convenuto che questo obiettivo sarebbe rimasto difficile da raggiungere. “Non ho una sfera di cristallo”Ha annunciato. “Ma ci proveremo. (…) Penso che sia molto importante avere un obiettivo aggressivo. Questo permette alla squadra di concentrarsi sull’importanza del compito”..

In Cathy Loaders
Cathy Loaders. Credito: NASA / Joel Koski

La NASA dovrà anche concentrarsi sul clima

Le modifiche apportate al calendario di Artemide, se fossero apportate, non sarebbero le uniche modifiche applicate al mondo della scienza planetaria dal neoeletto presidente. Anche il Partito Democratico esprime la sua piattaforma Forte impegno nella lotta al cambiamento climatico.

Come promemoria, durante la sua campagna per le elezioni presidenziali, ha promesso privatamente al futuro inquilino della Casa Bianca di tornare all’accordo di Parigi, che Donald Trump ha deciso di lasciare. Gli Stati Uniti, il secondo più grande emettitore di gas serra, potrebbero assumere un ruolo di leadership nell’azione per il clima, anche se con ritardi.

READ  Riunione: soleggiato al mattino, più umido nel pomeriggio in direzione sud

Quindi dovremmo aspettarci di rafforzare le missioni di osservazione della Terra della NASA e della National Oceanic and Atmospheric Administration per comprendere meglio il riscaldamento globale e il suo impatto sul nostro pianeta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *